L'assemblea Uil: "Quadro economico peggiora, ripartire dalla dignità del lavoro"

La Uil cesenate attacca: "La Romagna è una cenerentola di una Regione dove la parte emiliana, ha goduto di politici più attenti"

Ripartire dalla dignità del lavoro, questo il filo conduttore dell’assemblea delle delegate e delegati della Uil di Cesena. Ampia partecipazione a questo appuntamento, con la relazione del segretario Uil di Cesena Marcello Borghetti, gli interventi e le conclusioni del segretario Regionale Uil Giuliano Zignani, che hanno insistito sulla necessità di opporsi ad un modello di società della paura, della divisione, e dello sfruttamento.

Spiega la Uil cesenate: "Il peggioramento del quadro economico, dimostra che le prove muscolari, l’istigazione continua alle paure e la perenne campagna elettorale, non risolvono i problemi del lavoro, dei pensionati e dei giovani. Senza sbloccare gli investimenti in infrastrutture e in una diffusa manutenzione,  è difficile pensare di sostenere la ripresa dell’intero sistema produttivo e quindi dell’occupazione. Senza uno sviluppo consistente, impossibile dare una risposta a sostegno dei redditi, dei consumi, dei bisogni sociali e delle fragilità".

"Ma sbloccare i cantieri - prosegue la Uil - significa sburocratizzare e non reintrodurre il massimo ribasso, che ha causato incrementi di costi, corruzione, lavori non fatti o fatti male e sfruttamento del lavoro. Il Paese ha bisogno di lavoro piuttosto che sussidi. Per questo occorre abbattere il cuneo fiscale per diminuire le tasse a chi le paga e a chi produce lavoro di qualità. Senza politiche industriali e investimenti, il Paese è condannato ad una competizione al ribasso dove impera lo sfruttamento del lavoro. Il precariato è una dominante che soffoca la fiducia nel futuro, l’illegalità si insinua nel tessuto economico con forme di sfruttamento ai limiti della schiavitù. Su questi temi ha la responsabilità di un cambio di passo questo Governo, che deve fare scelte e che deve dare valore al confronto con i corpi sociali. Su questi temi ha responsabilità la politica locale, che troppo timidamente parla di lavoro e di lavoratori".

"La Romagna è una cenerentola - attacca il sindacato - di una Regione dove la parte emiliana, ha goduto di politici più attenti. La politica per eterne divisioni, non ha saputo costruire un cartello, per rivendicare ad esempio infrastrutture di qualità a partire dai collegamenti viari. Raggiungere la costa, oppure transitare da Cesena a Rimini, a Forlì o Ravenna è una impresa, per non parlare del declassamento tristemente famoso della E45. Il territorio ha redditi bassi, una contrattazione di secondo livello al palo, una preoccupante disapplicazione di contratti sottoscritti dai sindacati rappresentativi, problemi di precariato, e di legalità, ma si preferisce parlare d’altro. Le vicende delle banche sono passate nel silenzio quasi generale e le crisi aziendali, quali quelle di Ged e tante altre, di queste settimane, sono vissute senza vere prese di posizione".

"Dunque basta la presenza di alcune grandi imprese a coprire queste diffuse lacune per affrontare le sfide dello sviluppo e dell’automazione? La Uil pensa di no. Questa è sempre stata l’agenda della Uil e su questi temi continueremo a stimolare il dibattito per costruire un vero patto per lo sviluppo per il benessere e per la coesione".

Potrebbe interessarti

  • Il "metodo 333" per un guardaroba ordinato e completo di tutto

  • Pesciolini della carta: cosa sono e come liberarsene

  • Aspettare tre ore prima di fare il bagno dopo mangiato: tutta la verità

  • Assegno di maternità: cos'è e come richiederlo

I più letti della settimana

  • Dopo la strage di via Dismano un altro dramma stradale: un morto e tre feriti in uno scontro frontale

  • E' un'estate di sangue, nuova tragedia: centauro cesenate perde la vita

  • Salta la fila, urta una bimba e lo insulta. Scoppia la lite con ceffone

  • Auto travolge un corridore: è grave. Ferito identificato dopo l'appello sui social

  • Incidente in un allevamento durante le operazioni pulizia: un morto

  • Nuova tragedia stradale: perde la vita uno studente 17enne

Torna su
CesenaToday è in caricamento