Il messaggio del Vescovo agli studenti: "La scuola non è un'azienda ma una comunità"

La Diocesi locale celebrerà la giornata del creato e si svolgerà l'assemblea degli operatori pastorali

“Quante sono le tue opere, Signore”: le parole del Salmo 104 sono il tema della 14esima Giornata per la custodia del Creato (1 settembre) che in Diocesi viene celebrata nel pomeriggio di sabato 14 settembre all’Istituto Lugaresi.

“Coltivare la biodiversità” è il tema su cui si focalizzerà l’appuntamento che inizierà alle 17 con la presentazione del progetto europeo “BeePathNet: le città amiche delle api per la difesa della biodiversità e del creato”, a cura di Roberto Zoffoli, responsabile servizio pianificazione strategica, progetti integrati comunali, nazionali ed europei del Comune di Cesena. A seguire, l’entomologo dell’Asl Romagna Claudio Venturelli guiderà la “Danza delle api”, con visita all’apiario urbano dell’Istituto Lugaresi. Alle 19 preghiera ecumenica. A seguire, un momento conviviale.

L’evento è organizzato dalla Diocesi di Cesena-Sarsina in collaborazione con la Chiesa cristiana avventista del settimo giorno, Chiesa ortodossa rumena e Chiesa greco-cattolica rumena. Con il contributo del mercato ortofrutticolo di Cesena e Martini autore di sapori.
Assemblea diocesana degli operatori pastorali.

Domenica 15 settembre alle 15, nella chiesa di Sant’Agostino a Cesena, si terrà l’assemblea degli operatori pastorali durante la quale il vescovo Douglas presenterà le linee pastorali dell’anno 2019-2020 “Fissare lo sguardo su Gesù. Per trasmettere la vita buona del Vangelo”.

All’appuntamento di ripresa delle attività, sono particolarmente invitati i membri del Consiglio pastorale diocesano e dei Consigli pastorali parrocchiali, zonali e di unità pastorale, i sacerdoti, i diaconi, le famiglie religiose, i rappresentanti delle aggregazioni laicali, gli operatori pastorali parrocchiali.

Durante l’assemblea verranno presentati i risultati del “Progetto Nuntius”, a cura del Centro culturale “F. L. Ferrari” di Modena. Monsignor Walter Amaducci, vicario per la pastorale, presenterà il programma dell’anno pastorale. Dopo la preghiera dei Vespri, il vescovo conferirà il mandato agli operatori pastorali, catechisti, animatori liturgici, operatori della carità di tutte le parrocchie.

Il messaggio del vescovo Douglas Regattieri per l’inizio delle lezioni

"La scuola non è un’azienda, ma una comunità viva e aperta"

"Inizio questo messaggio rivolgendomi ai tanti bambini che per la prima volta varcano quest’anno la soglia della scuola. Una volta li chiamavamo i ’remigini’, dal nome del santo, san Remigio, la cui memoria cadeva il 1° ottobre. Era il giorno in cui incominciavano l’esperienza scolastica che li avrebbe portati, anno dopo anno, all’Università, pronti ad assumere poi nella società un ruolo specifico, esercitando una professione. Grembiulini blu per i maschi e bianchi per le femmine, con fiocchi enormi, cartelle con le fibbie, e quaderni con le copertine tutte uguali. Oggi lo chiameremmo il kit del “remigino”; se ne trova traccia solo nelle foto di famiglia, testimonianza muta di un tempo certamente scandito da un rispetto per la forma forse eccessivo e da una pedagogia più severa ed esigente ma dove, probabilmente, si respirava un’aria più pulita e più a misura di bambino. Non li chiamiamo più ’remigini’, perché la scuola inizia a settembre e in giorni diversi a seconda dell’appartenenza regionale. Ma ci sono ancora. Sono piccoli e hanno bisogno del sostegno affettuoso e incoraggiante di tutta la società. Auguriamo loro che la scuola li aiuti a crescere in modo armonico tenendo presenti tutte le componenti della loro personalità: il corpo, lo spirito, la mente, il cuore e l’anima".

"Quello che auguriamo a loro lo possiamo estendere anche alle diverse componenti della scuola, con alcune specificità. Agli insegnanti mi sento di rivolgere l’augurio che il servizio che svolgono con tanta passione, faticoso e impegnativo, porterà sicuramente i suoi frutti anche se non immediati. Ai genitori dico che abbiano tanta fiducia nei loro figli. Stanno crescendo. Il mondo circostante non sempre li aiuta a concentrarsi sulle cose essenziali e profonde; subiscono spesso il fascino dell’immediato, del fruibile e del concreto tangibile. L’educazione è cosa diversa ed esige nell’educatore molta pazienza. Infine ai ragazzi rivolgo un pensiero di incoraggiamento a saper cogliere dall’esperienza scolastica una indispensabile e solida base per il loro futuro. È nell’impegno assiduo e nello studio costante che preparano ora quel futuro che un giorno abiteranno".

"Concludo il messaggio con due annotazioni. La prima: la scuola non è equiparabile a un’azienda. È e vuole essere invece una comunità viva che educa, che svolge una missione delicata il cui scopo è dare ai ragazzi gli strumenti necessari per vivere da protagonisti nel mondo di domani".

"La scuola, in secondo luogo, non deve perdere il suo radicamento con la storia, con il territorio e con il mondo; è una comunità aperta che, a sua volta, fa aprire non solo la mente ma anche il cuore ai problemi del mondo e dell’uomo. Accenno a due problematiche che toccano anche la vita scolastica: le migrazioni e la cura dell’ambiente. Sono tematiche che sollecitano - insegnanti e alunni - a confrontarsi con la realtà e ad assumere comportamenti idonei".

"Da vescovo, rappresentante della Chiesa, esprimo, infine, agli insegnanti di religione cattolica - da me incaricati - l’augurio sincero e sentito perché, col loro servizio, aiutino i ragazzi a interrogarsi sulla realtà e prospettando Cristo come risposta piena e totale a ogni loro desiderio, indichino la via della Chiesa come la più idonea per il loro percorso verso la Verità".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cadavere in avanzata decomposizione ritrovato in una scarpata stradale

  • Vaga seminuda per strada in stato confusionale, la Polizia Locale risolve il 'mistero'

  • Rientra a casa e trova il rapinatore col coltello: "Io e te andiamo a prelevare". Lo salva il vigilante

  • La 17enne cesenate Alessandra Rumieri è la nuova "Miss Mondo Rally"

  • Fresca di corona Miss Patacca Vigliacca si racconta, "La vera fascia romagnola". Garantisce Betobahia

  • Batticuore Cesena, si fa rimontare 2 gol dalla Triestina: poi Sarao fa esplodere il Manuzzi

Torna su
CesenaToday è in caricamento