Sirio, il sindaco: "Ci chiedono di non rispettare le regole"

lunga lettera del Comune di risposta alla critiche piovute in questi giorni sulla futura messa in funzione del sistema di controllo degli accessi in Ztl e sulle multe fioccate per le vetrine indecorose

Redazione 18 luglio 2012
27

“Ci permettiamo di lanciare un appello: poiché questa Amministrazione comunale ha nel proprio Dna (oltre che nel proprio Programma di mandato) un impegno a fare di Cesena un luogo nel quale tutti, con un indispensabile recupero di senso civico, siamo impegnati a rispettare le regole minime di convivenza civile (quelle che, per esempio, prevedono che non si possa entrare in auto in strade a traffico limitato, che non si possa parcheggiare dove la sosta è pericolosa o impedita, che non si debbano gettare rifiuti per strada o fuori dai luoghi deputati al loro ritiro), ci auguriamo che nei prossimi mesi attorno a questo tema possa essere proiettato un nuovo film: non quello delle critiche a prescindere, ma piuttosto quello del colloquio con i cittadini e tra i diversi livelli politici ed istituzionali, utile a migliorare i canali di confronto ed informazione e non a mettere continuamente in discussione regole che tutti, a parole, accettiamo”.

Inizia così una lunga lettera del Comune di risposta collettiva alla critiche piovute in questi giorni sulla futura messa in funzione del sistema di controllo degli accessi in Ztl Icarus e sulle multe fioccate per le vetrine indecorose. A parlare sono il Sindaco Paolo Lucchi, l’Assessore al traffico Maura Miserocchi e l’Assessore alle Sicurezze Ivan Piraccini.

NIENTE MULTE I PRIMI MESI. Dicono i tre amministratori: “E’ noto da tempo ai cesenati come Icarus (acronimo per “Impianto di Controllo Accessi per la Rigenerazione Urbana e la Sicurezza”) il sistema di telecamere che regolerà l'accesso al nostro centro storico, entrerà in funzione dal prossimo autunno, forse già da ottobre. L’avvio sarà accompagnato da una fase graduale di condivisione del sistema e di informazione, poiché, anche per noi, come per Ravenna, il sogno è quello non di fare multe ma di vedere passeggiare i cesenati - visitatori del nostro bel centro storico e residenti - con maggior tranquillità di quanto non accada oggi. Per questo già da settembre, avvieremo un'adeguata campagna informativa, per far capire il funzionamento del sistema, prevedendo anche incontri con i cittadini. Poi, dal momento in cui le telecamere entreranno in funzione, abbiamo previsto una fase di rodaggio di circa tre mesi. In questo periodo, l'automobilista che transiterà dai varchi senza essere autorizzato la prima volta riceverà solo un'ammonizione: la comunicazione che arriverà a casa servirà, infatti, a ricordargli che è transitato in una zona per lui vietata e che se ripeterà lo stesso comportamento sarà sanzionato”.

Annuncio promozionale

NO ALLA LEGALITA' SOLO A PAROLE. Sempre il sindaco e gli assessori: “Alcuni Partiti ed alcune associazioni si ergono a paladino dei cittadini, chiedendo di non rispettare le regole. In realtà è accaduto già in questi giorni non solo di critiche preventive ad “Icarus”, ma anche di commenti sarcastici per le multe a chi mantiene le proprie vetrine sfitte in condizioni indecorose (producendo un danno a tutte le altre attività commerciali ed anche una sensazione di sciatteria che crea disagio nei cittadini), per quelle a chi abbandona rifiuti fuori dai cassonetti, ed addirittura di critiche feroci per le multe ad auto in sosta, per ammissione degli stessi estensori delle note negative inviate prontamente ai nostri quotidiani, in zone nelle quali non si può parcheggiare”. A loro è indirizzato l'appello al maggiore senso civico.

Paolo Lucchi
centro storico
icarus
sirio

27 Commenti

Feed
  • Avatar di lucia stacchini

    lucia stacchini Non c'è problema, io in centro a Cesena non vado più. Dispiace per chi ha investito in attività in centro a Cesena e per i posti di lavoro che si perderanno.

    il 29 ottobre del 2012
    • Avatar di Andrea Casadei

      Andrea Casadei Non credo che qualcuno ne senta la mancanza, il centro di Cesena non sta in piedi grazie a te.

      il 29 ottobre del 2012
  • Avatar di stefano angeli

    stefano angeli I politici faranno magari un pò schifo, di certo quelli di professione ne fanno un pò anche a me, ma anche chi insulta, travisa e "fa politica" nascondendosi nell'anonimato non mi pare molto meglio. Anzi ho il dubbio che dietro a certi anonimi che dicono ai politici d'andare a lavorare ci siano proprio politici professionisti...

    il 21 luglio del 2012
  • Avatar di Giuseppe X

    Giuseppe X premettendo che sono un altro "giuseppe" con lo stesso nick, ho letto lo scambio politico qui sotto... mi fa ridere. La classica aria fritta. Le regole ci sono, chi sbaglia paga ed è meglio che paghi chi sbaglia e non chi non sbaglia per comprensare ciò che non pagano gli altri (per esempio tassazione reale al 55% per chi paga realmente le tasse per compensare gli evasori). Se per esempio il comune incassa tanto da sirio da eliminare l'imu sulla prima casa ne sono solo contento. Invece no, i politici fanno mille sofismi e giri di parole perché il virus berlusconiano nella società è proprio questo: viva i furbi, non ci pensino due volte tanto alla fine ci sono i soliti politici ambigui che li sdoganano e li difendono.

    il 20 luglio del 2012
    • Avatar di Repubblicani Gambettolesi

      Repubblicani Gambettolesi : Sig. Giuseppe, trova scritto in qualche post la richiesta di non far pagare sanzioni a chi trasgredisce? Questa discussione è fatta su un piano diverso: ovvero si mettono in dubbio le motivazioni date dall'amministrazione per giustificare l'installazione di questo dispositivo di controllo, alludendo al fatto che non sia solamento per sensibilizzare il rispetto delle regole, ma bensì per recuperare in modo semplice e diretto risorse economiche che latitano. Questo Suo modo di attribuire cose non dette, nell'intento di sminuire l'operato politico di chi esprime la propria opinione che, in un sistema democratico, può anche dissentire da quello della maggioranza, non è corretto.

      il 20 luglio del 2012
      • Avatar di Giuseppe X

        Giuseppe X > : Sig. Giuseppe, trova scritto in qualche post la richiesta di non far pagare sanzioni a chi trasgredisce? Questa discussione è fatta su un piano diverso: ovvero si mettono in dubbio le motivazioni date dall'amministrazione per giustificare l'installazione di questo dispositivo di controllo, alludendo al fatto che non sia solamento per sensibilizzare il rispetto delle regole, ma bensì per recuperare in modo semplice e diretto risorse economiche che latitano. E allora? Se è così che male c'è? Meglio così che con altre tasse... E' una cosa così semplice. Che schifo i politici, andate a lavorare va là

        il 20 luglio del 2012
        • Avatar di Repubblicani Gambettolesi

          Repubblicani Gambettolesi : Carissimo Sig. Giuseppe, io lavoro per lo meno 9 ore al giorno e la politica la vivo come impegno civile, investendo tempo e denaro, nella convinzione che così dovrebbe essere. Per me il far politica è un Dovere, una presa di responsabilità e penso che la politica non debba essere un lavoro, ma un servizio. Lei invece, oltre ad esprimere frasi ingiuriose, in quale modo dà il Suo contributo alla nostra società?

          il 20 luglio del 2012
  • Avatar di giuseppe

    giuseppe Casali, il percorso delle decisioni "blindato" a cui fa riferimento si chiama DEMOCRAZIA. Dovrebbe vergognarsi di definirlo "moltro probabilmente giusto", perchè è semplicemente DEMOCRATICO. Le responsabilità di cui parla forse è proprio quella che le dà tanto fastidio, vedendo che chi ha promesso ora mantiene (posso capire bene che nel suo partito questo sembri così strano).

    il 20 luglio del 2012
    • Avatar di Repubblicani Gambettolesi

      Repubblicani Gambettolesi : ma perchè ogni qual volta si critichi il PD si finisce per essere aggrediti verbalmente, con accuse che travisano le parole di chi ha mosso la critica? Il Sig. Casali ha spiegato a "Scacciapensieri" il perchè l'opposizione non può realmente incidere sulle decisione prese dalla maggioranza consiliare, non ha delegittimato il sistema. Chi ha la maggioranza è stato eletto, e quindi ha il sacrosanto diritto di governare, ma anche il dovere di spiegare le proprie scelte senza ambiguità. Guardate che questa vostra insofferenza al diritto di critica sta prendendo dei risvolti preoccupanti. Vi si fanno delle obiezioni: rispondete, civilmente. Invitiamo voi a riflettere su ciò che è democratico o meno, ne avete bisogno.

      il 20 luglio del 2012
    • Avatar di MARCO CASALI

      MARCO CASALI Giuseppe il suo livore mi duole e soprattutto la richiesta di vergognarmi dimostra una scarsa considerazione della mia persona; il "molto probabilmente" indicato nella mia precedente pubblicazione nasce dalla consapevolezza di non avere la verità in tasca, l'assunzione di responsabilità è invece prerogativa del sindaco che cerca continui percorsi condivisi e partecipati per rendere in comunione una decisione che invece spetta solo a lui. Mi dispiace per l'acredine che dimostra ma nel contempo sono anche contento che possa leggere il mio cognome e vedere la mia foto perché sono sicuro che quando mi incontrerà mi chiederà scusa.

      il 20 luglio del 2012
      • Avatar di giuseppe

        giuseppe Di cosa dovrei scusarmi? Ho semplicemente detto due cose vere. 1. Il concetto di democrazia non può e non deve essere accostato a dei "condizionali" 2. nel suo partito la coerenza non va per la maggiore Quanto al cognome e alla foto cosa importa? Ci confrontiamo su opinioni... Credo che la mia, che non gradisco mettere foto, sia rispettabile almeno quanto la sua, che la foto la mette. O è un altro modo per "sviare" la discussione?

        il 21 luglio del 2012
  • Avatar di davide

    davide Angeli e Casali, ormai fate coppia fissa eh? Forse a entrambi piacerebbe essere al di sopra delle regole come il buon uomo di Arcore che ad uno piaceva tanto e all'altro piace tanto tutt'ora. Mi pare che gli interventi previsti per riqualificare il centro di Cesena siano molti e accanto ad essi vada rafforzato il rispetto delle regole. O forse va bene lasciare la ZTL com'è, senza telecamere, per far si che chiunque se vuole possa provare a fare il furbo?

    il 19 luglio del 2012
    • Avatar di stefano angeli

      stefano angeli Non conosco personalmente Casali, e sono su posizioni politiche lontanissime dal Pdl, ma su queste cose evidentemente non occorre pensarla allo stesso modo per vedere la realtà delle cose. E la realtà è che una amministrazione comunale, che fino ad oggi ha ignorato le proteste dei cittadini (e non dei partiti), improvvisamente s'è accorta che 1) il Tutor della secante non gli garantisce più gli incassi di multe a cui era abituato. 2) 110 negozi sfitti e vetrine vuote in centro storico possono essere un pessimo biglietto da visita per un sindaco a un anno e mezzo dalle elezioni. La risposta dell'amministrazione è una risposta di repressione poliziesca ed è dettata da una sola cosa "PANICO". A Marco Casali vorrei solo dire che rispetto i suoi sforzi di opposizione, da consigliere di quartiere, ma mi chiedo come mai i 6 consiglieri comunali del Pdl tacciono sempre.

      il 20 luglio del 2012
    • Avatar di MARCO CASALI

      MARCO CASALI Mah, io come consigliere di quartiere del Centro Urbano cerco di fare il mio modesto lavoro ancorché magari non riscuota tanto successo; mi sembra giusto dover intervenire sulle questioni che interessano il quartiere dove sono stato eletto (con tanto di preferenze). Con Angeli non mi sono mai sentito neanche telefonicamente e anzi spero in un prossimo futuro di poterlo incontrare di persona; fra l'altro devo dire che le nostre uscite sul tema non sono mai state concordate; ognuno cerca di dire quello che pensa come e quando vuole; evidentemente sul tema c'è unità di intenti seppur ripeto mai concordata. Quanto al discorso delle regole, se affermando che il sistema serve solo per far fare cassa al comune, (dopo che il tutor secante non miete più i 3 milioni di euro all'anno che mieteva), significa voler agevolare i furbetti, beh, allora lancio una proposta: mettiamo qualche vigile ai varchi di giorno e accendiamo il tutor solo di notte; vigili in bicicletta che si spostano ripetutamente nei diversi varchi e che cercano di fare rispettare le regole; così potremmo dare maggiore senso civico al rispetto delle regole. Invece si sceglie una strada diversa che nasce dalla sola esigenza di far cassa. Abbiamo 75 vigli nel comune di Cesena; vogliamo usarli per farli stare in mezzo alla gente? Se vogliamo recuperare il senso civico allora è necessario che l'amministrazione sia capace di stare in mezzo alle persone per spiegare, per persuadere ed eventualmente anche per multare. Quanto ad Arcore, non sono ottuso e mi ritengo dotato di rivedibilità se necessaria.

      il 19 luglio del 2012
      • Avatar di Giubberosse

        Giubberosse Proprio non capisco.. che differenza ci sarebbe fra un vigile che fa il suo lavoro e le telecamere? nessuna a parte che chiedi di mettere "qualche" vigile che in bici passa da un varco all'altro garantendone la minima copertura e la massima certezza di non beccare nessun evasore... visto che le telecamere costano meno all'ora dei vigili e non vanno in ferie che ne pensi di metterli in mezzo alla gente contro i borseggatiori o contro qualunque altro tipo di reato che fa incavolare la gente e lasciamo le telecamere ai varchi???

        il 20 luglio del 2012
        • Avatar di MARCO CASALI

          MARCO CASALI Da quanto appreso non si tratta di telecamere ma bensì di fotocamere che scattano foto al passaggio e quindi completamente inutili per la verifica della pubblica sicurezza; io sono convinto che se la regola viene fatta rispettare da un vigile, che alla bisogna multa anche l'infrazione, il messaggio è più chiaro e inoltre assicuriamo maggiore rispetto di tutte le regole in genere; manca la presenza sul territorio degli addetti, anzi spesso questi si nascondono proprio per fare multe; è questo un sistema educativo? Proprio per questo penso che sia giusto utilizzare un metodo misto accendendo Icarus di notte e mettendo le forze pubbliche a vigilare non solo gli accessi ma anche la pubblica sicurezza; se riusciamo a far capire che l'intento non è quello di multare e dir far cassa ma bensì quello di educare alla convivenza civile allora a mio parere l'ottica cambia completamente; ma per educare non servono grandi fratelli o persone che si nascondono nei posti più impensabili solo per garantire introiti alle amministrazioni; lo ripeto ci sono amministrazioni che accendono gli autovelox solo quando vedono che il loro bilancio sta franando; è questo forse un bel segnale? Quante volte ci è accaduto di prendere una multa nonostante si cerchi di rispettare le regole ? Lo sa quanti cartelli ci sono in soli 10 metri di strada? Secondo lei quanti sono i proprietari del centro che non sanno delle multe per le vetrine sporche? La convivenza civile è fatta dagli uomini e non da marchingegni che spesso ripeto, ed è il caso della E45, vengono messi all'opera per ripianare i bilanci comunali. Se si va in Svizzera e si parcheggia l'auto in divieto di sosta davanti al bar, stia pur sicuro che dopo 10 minuti arrivano i vigili; e questo perché qualcuno li ha avvertiti e sa perché li avvertiti, perché si ha maggiore considerazione dell'amministrazione pubblica. Per fare ciò ci vuole tempo ma sistemi coercitivi come Icarus, che a Bologna la prima settimana ha fatto 8000 multe (cioè 500.000 euro di incasso) non fanno che allontanare il cittadino dall'amministrazione pubblica. Se il pubblico non cambia modalità d'approccio allora andremo sempre male; quante volte si è sentito in difficoltà agli sportelli pubblici di fronte ad un funzionario? E sa perché si ha questa sensazione, perché la nostra amministrazione pubblica in genere, da tempo non mette al centro il cittadino. Lo si scrive solo nei volantini delle campagne elettorali ma poi si finisce per razzolare male!!!!! Grazie comunque per il commento.

          il 20 luglio del 2012
  • Avatar di scacciapensieri

    scacciapensieri ....mamma mia ma che succede!!!basta qualche giorno di ferie con i miei ragazzi e scoppia il putiferio!!salve a tutti!....non l'avrei quasi mai detto ....ma stavolta mi tocca svoltare verso la "tanto seguita" opposizione.....:-) leggendo la vicenda e il comunicato dell'amministrazione mi sembra di leggere una certa "insofferenza" alla tanto amata discussione.....non ho conoscenza per entrare a rango politico,ma da piccolissimissima imprenditrice ,sopratutto in questo momento,piacerebbe di più vedere qualche intervento urbano a qualificare la città e non diffidatorio/punitivo,non mi piace molto il concetto di " prima ti avviso( e spendo soldi per avvisarti) e poi ti punisco".Se le regole ci sono vanno rispettate per tutti.però una cosa la vorrei capire anke da chi sta all'opposizione:spero di trovare risposta.Ma non si sanno un pochino prima ste cose,in modo che anke voi possiate anticipare con qualche referendum o raccolta firme o altri mezzi che conoscete per far sentire meglio la Vs voce?a volte si ha l'impressione che arriviate un filino tardi suscitando così qualche remora al commento... ...."mi sembro quasi un grillino "....il mio tono è sarcastico in questo commento ma non offensivo,vuole solo cercare di comprendere al meglio una situazione scherzandoci un pò su. ....va anche detto però che,chi comanda deve saper prendere decisioni anke se a volte impopolari ma che vadano ovviamente a vantaggio della popolazione e chi le decisioni le subisce a volte deve saper aspettare i risultati (questa è la cosa più difficile).....il discorso sarebbe lunghissimo da esprimere......comunque per dove esercito la mia attività oggi dovrei essere molto più cattiva con l'amministrazione.....

    il 19 luglio del 2012
    • Avatar di MARCO CASALI

      MARCO CASALI purtroppo il percorso delle decisioni è blindato; la giunta elabora una tesi, la stessa passa in commissione per la discussione e poi va al consiglio comunale dove c'è ovviamente una maggioranza talmente solida che non arreca patemi a far passare la delibera; questo è il nostro sistema, che ritengo molto probabilmente giusto, ma che necessita dell'assunzione delle responsabilità; chi governa ha diritto di governare e di assumere le decisioni che ritiene opportuno purchè se ne assuma le responsabilità; sotto questo profilo la lettera del Sindaco tende invece a inaridire i commenti delle persone stigmatizzandole come isitigatori al mancato rispetto delle regole o come caciaroni; ognuno ha la propria posizione e il diritto a ribadirla fino a che ci sarà qualcuno disposto ad ascoltare; Il Sindaco e la giunta hanno invece il dovere di assumersi le responsabilità delle decisioni; saluti Casali

      il 19 luglio del 2012
  • Avatar di Repubblicani Gambettolesi

    Repubblicani Gambettolesi : perchè queste iniziative volte all'educazione civica dei cittadini devono forzatamente avere un ritorno economico per le casse comunali? Se questo ritorno economico non ci fosse, questi provvedimenti verebbero adottati ugualmente? Pechè l'impressione è proprio questa: che ci si voglia nascondere dietro alla bandiera del "buon senso civico" per non ammettere che si ha bisogno di recuperare risorse. A Gambettola sta accadendo la stessa cosa con l'applicazione del photored sulla via Emilia. Non sarebbe più semplice dire: "cari cittadini, il piatto piange, il momento è quello che è, le risorse statali saranno sempre più esigue, e le sanzioni sono un modo sicuro per ottenere entrate; ci dispiace, ma non siamo capaci di trovare altri modi per risolvere questo problema, perchè eliminare sprechi e privilegi è ben più difficile". Cari amministratori, ammettetelo, e non sarete più criticati. Perchè il voler far passare per bello, buono e giusto anche un "balzello" come questo, arrampicandosi sugli specchi, non è di certo sintomo né di coraggio né tanto meno di onestà intelletuale.

    il 19 luglio del 2012
    • Avatar di Giubberosse

      Giubberosse Puoi avere ragione ma sarà sempre impossibile sapere la verità perchè leggendo la cosa in modo inverso si potrebbe dire: visto che vogliamo fare cassa perchè non lo facciamo spingendo la gente a rispettare le regole? credo che per fare cassa sia il modo migliore sfruttare quelli che infrangono i divieti. Credo però che sia polemica sterile perchè il 98% dei cittadini di Cesena che non entra in centro in auto, anche se è già vietato, e quelli che si fermano con il rosso a Gambettola non avranno nulla da lamentarsi ed a loro non cambierà nulla... quindi? state facendo una lotta per il 2% della popolazione????

      il 19 luglio del 2012
      • Avatar di Repubblicani Gambettolesi

        Repubblicani Gambettolesi : assolutamente no. Stiamo facendo una lotta perchè chi governa si prenda le proprie responsabilità, dicendo le cose come stanno, senza doverle mascherare nella paura che siano impopolari. Troppo facile voler far sempre vedere il lato bello e buono delle cose, troppo facile.

        il 19 luglio del 2012
        • Avatar di MARCO CASALI

          MARCO CASALI condivido pienamente!!!

          il 19 luglio del 2012
  • Avatar di marco sbrighi

    marco sbrighi Ma cara amministrazione di Cesena ora non fare la vittima, chi fino ad ora ti ha criticato non chiede di non rispettare le regole, ma chiede a chi governa la città di tornare sulle proprie incomprensibili decisioni. Tra queste le associazioni di categoria, i commercianti del centro e parte dei residenti. La campagna elettorale di Paolo Lucchi era basata sull'ascolto e sul dialogo, invece ora che e' stato eletto le decisioni vengono calate dall'alto senza possibilità di ridiscuterle. Quando si spendono soldi pubblici e in questo caso tra piazza della libertà e icarus la cifra supererà i tre milioni di euro la concertazione e' un obbligo morale e civile. Questa classe politica ha portato l'italia sull'orlo del baratro. E purtroppo continua a far danni.

    il 18 luglio del 2012
  • Avatar di stefano angeli

    stefano angeli Il sindaco finge di non capire, nessuno gli chiede di non rispettare le regole, ma gli si chiede di dare il buon esempio...se si vogliono le vetrine in ordine (pure quelle chiuse) almeno bisogna sitemare le strade, l'arredo urbano e migliorare la pulizia delle strade che lascia sempre più a desiderare...

    il 18 luglio del 2012
  • Avatar di MARCO CASALI

    MARCO CASALI quindi mi chiedo: che cosa potremmo dire? possiamo scrivere o esprimere qualcosa che non arrechi disturbo? tutto deve essere sempre omolagato? che strana lettera, sottil,e di chi molto probabilmente non vuole assumersi le responsabilità delle decisioni; invece io penso che chi governa le responsabilità delle decisioni se le deve prendere e non chiedere di non dsturbare il manovratore!!!

    il 18 luglio del 2012