Giro d'Italia a Bagno, il sindaco Baccini: "Sarà un punto di partenza importante"

Annuncia il sindaco: "A breve verrà costituito un comitato organizzatore che richiederà la massima partecipazione e impegno"

Agli apprezzamenti di Confcommercio e Confesercenti sull’arrivo a Bagno di Romagna dell’undicesima tappa della edizione centenaria del Giro d’Italia fa immediatamente seguito il commento del Sindaco di Bagno di Romagna Marco Baccini, che manifesta tutto il proprio ringraziamento e rilancia: “Mi sento di ringraziare immediatamente gli interventi della Confcommercio e della Confesercenti che con le dichiarazioni dei loro presidenti hanno mostrato di cogliere sin da subito l’obbiettivo da perseguire e l’opportunità storica che il Giro d’Italia rappresenta per tutto il nostro territorio”.

“La tradizionale corsa rosa, che quest’anno festeggia la centesima edizione, è uno degli eventi che maggiormente offre l’occasione di lanciare il nostro territorio dando impulso alle eccellenti potenzialità che offre, in campo turistico e termale, enogastronomico, ambientale e paesaggistico, storico-culturale, dello sport e del benessere, così come ormai da anni se ne parla in tutte le occasioni di discussione di una visione strategica”, prosegue.

“Come ho anticipato nei vari incontri, l’impegno a far arrivare una tappa del Giro d’Italia a Bagno di Romagna non ha come unico obiettivo quello di promuovere il turismo e il termalismo del mio Comune - precisa  Baccini - ma rientra nel perseguimento di un progetto più ampio di valorizzazione di tutto il territorio montano dell’appennino tosco-romagnolo e dei Comuni che ne fanno parte, che occorre guardare come un unico contesto in cui ogni municipalità deve mettersi in luce per le proprie qualità ed in connessione le une con le altre- Solo in questo modo e con la sinergia di tutti gli attori coinvolti potremo ambire a effettuare quel salto di qualità che i nostri territori aspettano da tempo. Solo così potremo tracciare la strada per diventare quell’area verde del centro Italia che sarà generalmente riconosciuta come una destinazione turistica d’eccellenza nazionale e internazionale".

“La tappa del Giro d’Italia in arrivo il 17 maggio prossimo - chiosa il primo cittadino -. rientra proprio nella strategia di sviluppo che abbiamo sempre condiviso nelle intenzioni con Confcommercio e Confesercenti e fa seguito alle varie azioni che abbiamo avviato attraverso il progetto strategico sul turismo di vallata, alla discussione che apriremo sul tema dell’ampliamento del Parco Nazionale, agli ambiziosi progetti sul cicloturismo e sulla valorizzazione delle aree interne che hanno ricevuto il finanziamento nell’ambito del Por Fesr, al progetto della Valle dei Laghi con la riqualificazione del lago di Quarto e la messa in rete dei laghi dell’alto appennino, alla ciclovia del Savio”.

“A questo punto, si rende estremamente necessario che i vari comuni e le rispettive comunità ragionino e operino con obiettivi più ampi rispetto a quelli che sono i confini amministrativi comunali e si facciano interpreti di strategie future di territorio, in grado di dare solidità alle azioni da mettere in campo, con l’obiettivo di fare del turismo il primo settore di un’economia circolare in grado di rilanciare l’appennino - continua il sindaco -. Certamente, quella della tappa è stata una decisione coraggiosa, che ha richiesto non poco impegno in termini di attività, ma ritengo che sia tanto necessaria per tradurre nei fatti ciò di cui si è sempre discusso”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Se interpretiamo in questo modo il significato e l’opportunità che la “Tappa Bartali” con arrivo a Bagno di Romagna, il 17 maggio 2017 potrebbe rappresentare una data storica per il nostro territorio, che fisserà sì l’arrivo della tappa, ma segnerà anche il momento di una partenza importante per tutti noi. E’ per questo - conclude Baccini - che accolgo con piacere il richiamo delle Associazioni al lavoro condiviso e alla massima partecipazione attiva. Dovremo lavorare molto per promuovere sin da subito il territorio e sfruttare il traino mediatico del Giro d’Italia per tutto il 2017, con interventi, servizi e iniziative. Prima fra tutte la cicloturistica alla scoperta della Tappa che, sinceramente, avevo già immaginato. A breve verrà costituito un comitato organizzatore che richiederà la massima partecipazione e impegno e per il quale chiameremo tutti gli interessati a partecipare”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tenda nel parcheggio del Bufalini, Cesena tra le prime città a sperimentare i tamponi "drive-through"

  • Cesena, Gambettola e Mercato Saraceno: un bollettino nero con altri decessi

  • San Cristoforo piange l'ultima vittima del Coronavirus: "Era socievole e attivo nel volontariato"

  • Cresce il 'focolaio' nella casa di riposo, 15 contagiati. "Guarito un agente della Polizia Locale"

  • Coronavirus, frenata nei contagi nel Cesenate: "solo" 14 in più. Ma c'è un altro decesso

  • Una 'maschera' che agevola la comunicazione tra sanitari e pazienti: l'intuizione dell'azienda

Torna su
CesenaToday è in caricamento