"Ged verso il fallimento", i sindacati chiedono garanzie per salvare oltre 50 lavoratori

Cgil, Cisl e Uil: "Siamo determinati a difendere l’occupazione e il lavoro degli oltre 50 dipendenti della Ged"

"Riscontriamo come la Ged non ha portato a compimento il percorso concordatario e conseguentemente dal 7 Giugno, essendo scaduti i termini di presentazione, può essere dichiarata la risoluzione del concordato con riserva, essendo scaduto il tempo della sua esecuzione, quindi ci troviamo ad affrontare una situazione che potrebbe portare al fallimento della Ged". E' l'allarme lanciato dai sindacati uniti Uil, Cisl e dalle Rsu aziendali.

"La prospettiva del concordato con riserva, - proseguono i sindacati - presentato a febbraio, aveva già prodotto forti preoccupazioni, tali da spingere le organizzazioni sindacali di categoria a monitorare costantemente la situazione anche coinvolgendo le istituzioni locali e attraverso al mobilitazione dei lavoratori.

Crisi Ged: la mobilitazione dei lavoratori

I sindacati sottolineano la "gravità dell’atteggiamento della Direzione GED che, in tutti gli incontri aveva rassicurato le Organizzazioni Sindacali e anche le Istituzioni Locali in merito all’impegno di proseguire e portare a termine il percorso concordatario nonché a mettere in atto le azioni possibili per dare continuità lavorativa al maggior numero di dipendenti durante tale percorso.  Ancor più grave è il silenzio e l’indifferenza che verte sulla situazione della GED da parte di CMC Ravenna (verso la quale ci risulta che GED vanti importi considerevoli) e Generale Prefabbricati (di Città di Castello). Ricordiamo infatti che GED è controllata per l’80% dalla prima e dalla seconda azienda per il restante 20%".

Lattuca: "Pronto ad incontrare i sindacati"

Denunciano Cgil, Cisl e Uil come "Anche a livello istituzionale, riscontriamo come la questione GED abbia presto preso la via del dimenticatoio, nonostante gli impegni assunti.  Abbiamo promosso tutte le azioni possibili per dare seguito a un sano e costruttivo confronto con la Direzione aziendale GED per poter garantire, nel limite delle nostre funzioni, la continuità aziendale e occupazionale di questa storica azienda del territorio Cesenate che occupa oltre 50 addetti".

Crisi Ged: l'appello dei sindacati alle istituzioni

"Evidentemente, questa situazione non è certo stata determinata da causali imputabili alle Organizzazioni Sindacali e ai lavoratori e lavoratrici GED e a questo punto sospettiamo purtroppo che il disegno di “qualcuno” fosse proprio quello di far fallire questa azienda sin dall’inizio della presentazione del concordato. Non possiamo permettere che la vertenza GED si concretizzi nell’ennesima emergenza sociale del territorio, siamo determinati a difendere l’occupazione e il lavoro degli oltre 50 dipendenti della GED".

"Vogliamo risposte e disponibilità - concludono i sindacati - nel costruire un percorso che possa salvare l’azienda e garantire l’occupazione e metteremo in campo le azioni necessarie per ottenere questi risultati".

Potrebbe interessarti

  • Formiche in casa? Ecco come tenerle lontane

  • Due soluzioni per avere sopracciglia perfette

  • Invitata al matrimonio estivo? Ecco i consigli sull'abbigliamento ideale

  • Non solo Malatestiana: tutte le biblioteche di Cesena

I più letti della settimana

  • Alta concentrazione di batteri in acqua, scatta il divieto di balneazione

  • Trenta pecore sbranate dai lupi: "Abbiamo paura anche per la nostra sicurezza"

  • Camion a rimorchio si ribalta: "Ennesimo incidente, strada stretta e pericolosa"

  • Tenta di rubare un televisore, arrestato nel parcheggio: scatta anche la sospensione del reddito di cittadinanza

  • Incendio al depuratore di Cesenatico subito domato. Il sindaco tranquillizza

  • Biker si ferisce in montagna, soccorso col verricello e portato al "Bufalini" in serie condizioni

Torna su
CesenaToday è in caricamento