Addio a Zavalloni: "Lascia un vuoto incolmabile in tutti noi"

La chiesa di San Paolo era gremita per l'ultimo saluto a Gianfranco Zavalloni, persona molto amata in città. E' stato strappato alla vita da un male incurabile alla sola età di 54 anni

Redazione 21 agosto 2012

La chiesa di San Paolo era gremita per l'ultimo saluto a Gianfranco Zavalloni, persona molto amata in città. E' stato strappato alla vita da un male incurabile alla sola età di 54 anni. “Ha lasciato un vuoto incolmabile in centinaia di persone. Possiamo solo rispettarlo”. Con queste parole Don Pasquale lo ha salutato per l'ultima volta dall'altare della chiesa. Chi è giunto in ritardo ha dovuto assistere alla funzione standosene fuori tante erano le persone accorse. La commozione avvolgeva tutti. Partiva dalle prime fila fino alle ultime. Univa chi era dietro l'altare fino a chi saliva sul pulpito.

Anche il parroco era visibilmente provato dalla tragicità del fatto e ha cercato, durante l'omelia, di rincuorare i propri fedeli. In centinaia da qualche giorno devono fare i conti con la scomparsa di una delle persone più care. Noto a tutti per la sua semplicità, per la sua purezza resta un po' di Gianfranco in tutti quelli che lo hanno incontrato. Era una di quelle persone a cui si vuole bene al solo sentirne parlare, anche se non lo si conosceva personalmente.

Annuncio promozionale

Tra i suoi tanti impegni c'era anche quello di capo scout. Ecco come una ragazza lo ha ricordato dal pulpito: “Ha dedicato la sua vita alla crescita dei ragazzi – ha detto un'amica – il nostro gruppo scout è nato grazie a lui e grazie a lui abbiamo imparato ad essere felici in modo semplice. Era sempre sorridente. Ha affrontato le difficoltà con il sorriso e il suo ricordo sarà un esempio per la nostra vita”. Ed è proprio così, che gli amici lo ricorderanno: sempre sorridente, come uno che punta tutto sulle nuove generazioni, come un difensore dell'ambiente, ma anche capace di divertirsi con gli amici quando portava in scena le storie di burattini. Tutto questo era racchiuso nell'applauso che ha seguito il feretro all'uscita dalla chiesa.
 

funerali

Commenti