Emergenza neve, resta alta l'attenzione nonostante il bel tempo

E’ proseguita anche martedì l’attività di gestione curata dal Centro Coordinamento Soccorsi, operativo – senza soluzione di continuità – fin dal 1° febbraio, quando è iniziata l’emergenza neve

E’ proseguita anche martedì l’attività di gestione curata dal Centro Coordinamento Soccorsi, operativo – senza soluzione di continuità – fin dal 1° febbraio, quando è iniziata l’emergenza neve. Durante la sedicesima seduta del prefato organismo di coordinamento delle risorse dello Stato e degli Enti Locali, è proseguita l’analisi congiunta delle segnalazioni pervenute quotidianamente da ciascun Comune della provincia. Con il bel tempo stanno diminuendo le situazioni di criticità.

Prosegue incessantemente l’attività congiunta e volta alla definitiva normalizzazione di tutte quelle situazioni che, lungo l’intero bacino provinciale, creano obiettivi disagi alla popolazione. Il progressivo rientro alla normalità ha quindi consentito, già dalle prime ore di martedì, di impegnare parte delle ingenti risorse dell’Esercito (in particolare forniti dal 66°Reggimento Trieste Forlì e del Reggimento Genio Ferrovieri di Castelmaggiore) in territori ancora in forte difficoltà e le cui risorse locali abbisognano di supporti esterni.

Restano tuttavia all’opera alcuni mezzi speciali dell’Aeronautica, che supportano i Comuni in mirate attività di ripristino della viabilità essenziale per la sicurezza e la salute pubblica. Proseguirà comunque, l’attività interforze finalizzata alla risoluzione delle criticità censite, perlopiù relative a condizioni di difficile percorribilità della viabilità secondaria; viabilità che, seppur limitatamente ad un modesto numero di aggregati rurali, risulta di fatto ancora non percorribile se non con mezzi specializzati.

Analogamente prosegue il concorso degli esperti professionisti del Servizio Tecnico di Bacino che, affiancandosi alle componenti istituzionali e volontarie dei Vigili del Fuoco - prioritariamente impegnate in operazioni per la salvaguardia dell’incolumità pubblica -, procedono al monitoraggio strutturale dell’edilizia pubblica e di particolare rilevanza sociale. Continua poi ad essere alta l’attenzione sulle criticità tipiche degli allevamenti, le quali, grazie al raccordo operativo tra Servizi Veterinari dell’AUSL di Forlì e di Cesena con i Centri Operativi Comunali (COC), vengono periodicamente monitorate allo scopo di orientare e supportare le singole Aziende verso le più efficaci soluzioni ai vari problemi riscontrati.

Pur se le favorevoli condizioni metereologiche, unitamente ai segnali largamente positivi pervenuti dal territorio, indurrebbero a ritenere in corso di esaurimento le situazioni di particolare emergenza, si è congiuntamente valutato di proseguire anche per le prossime 24 ore l’attività di monitoraggio curata sinergicamente dalla Prefettura e dalla Provincia di Forlì-Cesena: ciò al fine di non pregiudicare il definitivo rientro alla normalità e quindi così favorendo l’approntamento delle più opportune misure coordinate eventualmente necessarie.

Potrebbe interessarti

  • 13 utilizzi del bicarbonato di sodio che ancora non conoscete

  • Il "metodo 333" per un guardaroba ordinato e completo di tutto

  • Pesciolini della carta: cosa sono e come liberarsene

  • Aspettare tre ore prima di fare il bagno dopo mangiato: tutta la verità

I più letti della settimana

  • Tragico incidente in via Dismano: quattro morti, tra loro due fratelli minori

  • Dopo la strage di via Dismano un altro dramma stradale: un morto e tre feriti in uno scontro frontale

  • Auto travolge un corridore: è grave. Ferito identificato dopo l'appello sui social

  • Scene da panico a Valverde: colpisce un taxi e due auto e prova a scappare, arrestato

  • Una fusione di tradizioni: dopo 27 anni la storica osteria in centro cambia gestione

  • Pericolo pubblico al volante: guida ubriaco fradicio, senza assicurazione e senza patente

Torna su
CesenaToday è in caricamento