Coppia di neo sposi dona 19mila euro alla ricerca Irst

Il progetto denominato Arthe, acronimo di Avidination for Radionuclide Treatment, è nuova metodica sperimentale per il trattamento di lesioni non palpabili della mammella

La Fondazione Nadia Salcini, nata per sostenere lo sviluppo della ricerca scientifica contro la leucemia e fornire assistenza alle persone affette da questa malattia, ha devoluto 19mila euro all’Istituto Tumori della Romagna Irst Irccs. La somma è il risultato di un gesto di grande generosità da parte di una coppia di neo sposi cesenati che hanno deciso di rinunciare, in occasione del loro matrimonio, ai regali di nozze chiedendo agli invitati di fare una donazione alla Fondazione che ha, a sua volta, devoluto a Irst la somma raccolta. In particolare, la coppia di sposi ha espresso il desiderio di sostenere il progetto Arthe, un'nnovativa tecnica per la cura dei tumori alla mammella messa a punto da Giovanni Paganelli, direttore dell’Unità di Medicina Nucleare Irst Irccs.

Il progetto denominato Arthe, acronimo di Avidination for Radionuclide Treatment, è nuova metodica sperimentale per il trattamento di lesioni non palpabili della mammella identificate nell’ambito dello screening oncologico e confermate come maligne attraverso una biopsia. La tecnica ARTHE prevede una semplice iniezione locale di una soluzione minimamente radioattiva nella piccola cavità creata dal prelievo di materiale della biopsia. In questo modo si potrà ottenere una distribuzione del radiofarmaco proprio nel sito dove si trova la massa tumorale.

Questa metodica, nella prima fase, sarà eseguita in regime ambulatoriale nella Prevenzione Oncologica dell'Ausl della Romagna sede di Forlì. Dopo qualche settimana, a seguito dell’intervento chirurgico, si potrà valutare se permangono cellule tumorali oppure se il radiofarmaco è già stato in grado di eliminare tutte le cellule malate. Se i risultati risponderanno a quanto atteso, questa metodica, minimamente invasiva, potrà sostituire l’intervento chirurgico per alcuni sottogruppi di donne con lesioni non palpabili e che oggi devono purtroppo subire interventi e cure particolarmente pesanti. La bontà del progetto Arthe porrà le basi per il lo studio successivo denominato Iart.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La notte trasgressiva a tre col transessuale finisce a sassate: nei guai coppia di fidanzati

  • Vinse 500mila euro al gratta e vinci, ora apre un'osteria "come quelle di una volta"

  • Operazione incredibile al "Bufalini": musicista operato al cervello mentre suona il pianoforte

  • Savio in piena, frane in collina ed allagamenti in riviera: il maltempo fa paura

  • La colpisce con lo specchietto mentre cammina sul ciglio della via Emilia: anziana ferita

  • Scirocco e alta marea a Cesenatico, gli stabilimenti spariscono. "Acqua in strada a Valverde"

Torna su
CesenaToday è in caricamento