Col freddo il viadotto Kennedy diventa rifugio dei senzatetto: tra luride coperte, cartoni stesi e arredi bruciati

A Cesena molte persone, sconosciute ai più, ma forse note alle autorità, hanno difficoltà a trovare un luogo caldo dove ripararsi

Foto di Piero Pasini

L'arredo urbano come combustibile per le freddi notti invernali. E' quanto accade sotto il viadotto Kennedy di Cesena, luogo ormai storico di degrado e rifugio per i senzatetto dove i rigori invernali, spesso nelle ore notturne, sono tremendi da sopportare e si deve ricorrere a tutto ciò che nell'ambiente può essere usato per riscaldare. A Cesena molte persone, sconosciute ai più, ma forse note alle autorità, hanno difficoltà a trovare un luogo caldo dove ripararsi. La stazione ferroviaria è certamente un posto deputato e così le zone limitrofe.

Non sfugge il sotto del viadotto Kennedy, forse riservato a coloro ultimi tra gli ultimi. Qui tra luride coperte e cartoni stesi, in un mare di polvere, sporcizia, macerie tra rottami vari come una bicicletta in parte smontata in attesa di rimediare una ruota per farla funzionare, i disperati trovano un momento per trascorrere la notte. Ma se il corpo è al riparto dalla pioggia, questo non avviene per le temperature rigide ed ecco come l'ambiente viene a parziale soccorso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'arredo urbano in legno lavorato, in particolare quello utilizzato per delimitare la pista ciclopedonale, le siepi o di supporto alla crescita delle piante, quindi facilmente asportabile, diventa legna da ardere per addolcire il freddo pungente e quando questo tipo di combustibile sarà terminato si cominceranno ad usare le sedute delle panchine. A un paio di giorni dal “Giorno della Memoria” dove la miseria umana (e anche la crudeltà) giunse ai massimi livelli storici, "spettacoli" del genere non possono lasciare indifferenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Paura in A14, un camion si ribalta sul fianco della carreggiata: perde la vita un cavallo

  • Il 15enne positivo al virus, Spiaggia 23: "I dipendenti tutti negativi, trattati come appestati"

  • Paura in autostrada, il camion Hera prende fuoco: l'autista si rifugia nella corsia d'emergenza

  • Grandine come piccole pesche, l'azienda agricola conta i danni: "Dopo 3 mesi chiusi non ci voleva"

  • Scongiurato il 'focolaio' a Cesena, il nuovo caso non collegato al 15enne: è uno straniero del Cas

  • Grandine devastante nell'entroterra cesenate. Colpita la zona di Sarsina, crollata una quercia secolare

Torna su
CesenaToday è in caricamento