Criminalità, il ministero: "Reati in calo": Forlì-Cesena fa la performance migliore

Il ministero dell'interno sottolinea la riduzione dei reati nella Regione: - 20% per Forlì-Cesena

Una nota del ministero dell'interno sottolinea il calo dei reati commessi in Emilia Romagna, ed è proprio la provincia di Forlì-Cesena, nella statistica del ministero, ad avere la performance migliore. Un 20,4% di reati in meno a Forlì-Cesena, si passa poi al -12% di Bologna, -11% di Rimini, - 8% a Ravenna, -2% a Reggio Emilia, -3% a Piacenza, -9% a Parma, -0,2 % a Ferrara, in crescita solo Modena con il 5% di reati in più. Il dato complessivo in regione segna l'8% di reati in meno.

La nota del ministro Salvini sottolinea anche che si riduce il numero degli stranieri ospiti dei centri di accoglienza (-22,42% a Forlì-Cesena). "Vogliamo fare sempre di più e meglio - spiega il ministro dell’Interno Matteo Salvini - i numeri sono rassicuranti ma non ci accontentiamo. Abbiamo segnalato agli amministratori locali nuovi strumenti, in collaborazione con le prefetture, per aggredire le grandi piazze di spaccio, isolare balordi e sbandati, per effettuare sgomberi. Auspico che i sindaci sappiano utilizzarli al meglio, mentre il piano che rinforzerà tutte le questure d’Italia sarà decisivo per ridurre ulteriormente la criminalità”.

Cintorino e Celletti: "Politiche della Lega vincenti"

“Aspettavamo questa notizia da anni. Il territorio forlivese e cesenate è quello che ha raggiunto i risultati migliori sulla sicurezza e sul calo dei reati (-20,4%) in Emilia Romagna, dove c’è una diminuzione media dei reati dell’8%. Prova inoppugnabile che le politiche promosse dal ministro dell’Interno, Matteo Salvini, con il decreto Sicurezza e dal Governo sono quelle giuste e rappresentano una risposta concreta alla richiesta di più sicurezza della popolazione". Lo affermano Andrea Cintorino, segretario provinciale della Lega e candidata nella lista di Forlì, e Antonella Celletti, capolista della Lega a Cesena.

"Anche il numero degli stranieri ospitati nei centri di accoglienza nella provincia di Forlì-Cesena diminuisce del 22,42 per cento. E’ evidente che il sensibile calo degli sbarchi, dal primo gennaio 2019 a oggi si registrano 1.200 sbarchi, a fronte dei 10.659 del 2018 (-88,74%) e dei 45.785 del 2017 (-97,38%), sta incominciando a dare risultati. Siamo convinte che si debba comunque tenere alta la guardia. Come afferma il ministro, i risultati si devono mantenere e migliorare, anche utilizzando gli strumenti di contrasto e prevenzione del degrado e della criminalità che le misure ministeriali mettono a disposizione delle amministrazioni locali, in collaborazione con le Prefetture. Dalle parole ai fatti. Questo è il nostro motto. Le promesse sono state mantenute”.
 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Politica

    Le interviste personali, Andrea Rossi: "Serve alternanza, è un toccasana anche per i nostri avversari"

  • Politica

    La cultura a Cesena deve cambiare rotta? Le 'ricette' dei candidati sindaci

  • Cronaca

    Un giardino per monsignor Gianfranceschi, fu il Vescovo a fianco degli operai

  • Cronaca

    Blitz dei carabinieri in stazione, 'arrotondava' con lo spaccio: 48enne in manette

I più letti della settimana

  • Una fuga di oltre 100 chilometri. L'edizione 2019 della Nove Colli è di Federico Colone

  • Volo di trenta metri nella scarpata e schianto contro un albero: è grave

  • Boato nella notte, assalto al Bancomat: i malviventi fuggono col bottino di oltre 15mila euro

  • Una bella storia di senso civico: l'avvocato perde cellulare e soldi, un migrante li trova e restituisce tutto

  • Un boato per Giuseppe: la festa per l’ultimo arrivato chiude la 49esima Nove Colli

  • Di generazione in generazione l'osteria compie 80 anni, seppe rialzarsi dopo la guerra

Torna su
CesenaToday è in caricamento