Coronavirus, farmaci ma non solo: tante sperimentazioni negli ospedali romagnoli

Sono 18 al momento, le sperimentazioni sul coronavirus nelle quali sono inseriti pazienti seguiti negli ospedali dell’Ausl Romagna

In tutto il mondo la comunità scientifica è impegnata quotidianamente nella lotta al Covid-19, studi e sperimentazioni tra cura e ricerca.
Sono 18 al momento, le sperimentazioni sul coronavirus nelle quali sono inseriti pazienti seguiti negli ospedali dell’Ausl Romagna, che coinvolgono complessivamente circa un migliaio di malati. 

Il farmaco Tocilizumab viene somministrato negli ospedali di Cesena, Ravenna, Rimini e Forlì per i pazienti con sintomi severi, ma principalmente non ricoverati in rianimazione. Al momento i pazienti inseriti in questo protocollo sono 208.

L'ospedale di Forlì, impegnato anche in un studio sull'eparina a basso peso molecolare, è entrato nello studio nazionale sull'utilizzo di colchicina, le Farmacie dei quattro ambiti romagnoli partecipano ad una sorveglianza internazionale promossa in Olanda sui trattamenti farmacologici, mentre l'Ausl della Romagna sta predisponendo un nuovo studio sul trattamento con Idrossiclorochina. Si tratta di un farmaco antimalarico che sta dando buoni risultati soprattutto per rallentare e limitare la progressione della malattia. 

La stessa Ausl ha però promosso un ulteriore studio proprio con lo stesso farmaco, validato dal proprio Comitato etico, che contempla l'osservazione del trattamento per via sottocutanea, e per il quale sono stati “arruolati” in Romagna 63 pazienti.

 Ancora sul fronte dei farmaci innovativi, la Commissione del Farmaco della Romagna e il Comitato etico hanno dato via libera allo studio, ancora per via sottocutanea, del farmaco Canakinumab, un altro farmaco immunoterapico con il quale sono stati trattati 100 pazienti. Un altro farmaco su cui l’Ausl Romagna sta conducendo uno studio osservazionale su tutti i pazienti ricoverati è un cortisonico, anche questo sui quattro ospedali di Cesena, Forlì, Ravenna e Rimini. L’uso terapeutico di corticosteroidi, in virtù della loro potente attività farmacologica antinfiammatoria,  viene considerata una strategia terapeutica efficace nel sopprimere l'infiammazione sistemica e in tal modo ridurre la durata della malattia e degenza ospedaliera, e forse anche la mortalità.

Ma ricerca e sperimentazioni non si limitano all’utilizzo dei farmaci. Vi sono alcuni studi che monitorano lo sviluppo dei sintomi della patologia in determinate categorie di pazienti, come ad esempio quelli per cui si rende necessario il ricovero in rianimazione, o quelli già portatori di patologie oncologiche, o ancora sui pazienti in età pediatrica e nelle donne in gravidanza. E' inoltre oggetto di studio lo stato nutrizionale dei pazienti, le caratteristiche biologiche e radiologiche della malattia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La tragedia sullo scooter, riconosciute le salme di Donato e Asia: si cerca un testimone oculare

  • Drammatico scontro tra uno scooter e un camion, perdono la vita padre e figlia

  • La tragedia sullo scooter, l'amore per la figlia e la passione per il Maggiolino: "Donato era solare e allegro"

  • Violento scontro all'incrocio tra auto e moto, il motociclista è in Rianimazione

  • Il 15enne positivo al virus, l'ansia serpeggia in città: partita la prima tranche di tamponi

  • La media migliore sfiora il 9,7: ecco l'elenco completo degli studenti più bravi del liceo classico Monti

Torna su
CesenaToday è in caricamento