Sesso in confessionale, focosi amanti condannati a 3 mesi

Gli ingredienti per un'altra puntata della serie ci sono tutti e la ricetta non può che essere piccante

Redazione 4 luglio 2012
4

Tre mesi di carcere, ma con sospensione della pena. Questa la sentenza nei confronti dei due "dark" che nel giugno del 2008 sono stati scoperti nel confessionale del Duomo di Cesena in atteggiamenti tutt'altro che devoti. Lei infatti era inginocchiata su di lui ma non per pregare. Lui era nudo quando le forze dell'ordine hanno aperto il confessionale. Il reato è quello di atti osceni in luogo pubblico ed è giunta oggi, mercoledì la sentenza al Tribunale di Cesena. Ma la vicenda ha tutti i presupposti per una seconda puntata.

L'avvocato difensore, Alessandro Sintucci, che nelle udienze passate aveva chiesto l'esperimento giudiziale (cioè che l'atto incriminato fosse ripetuto per verificare se la platea era stata turbata o meno), è pronto ad andare in appello. La sua tesi è che la funzione non sia stata impedita né turbata e che il confessionale non è un luogo pubblico.

Tra i testi è stato chiamato a deporre anche don Adamo Carloni che avrebbe riferito che quando le ultime panche del Duomo hanno iniziato a rumoreggiare, la funzione era già finita. Insomma gli ingredienti per un'altra puntata della serie ci sono tutti e la ricetta non può che essere piccante.

Annuncio promozionale

Sesso e gemiti nel confessionale, due dark a processo
Il fatto si verifica una domenica mattina intorno alle 7, il 2 giugno 2008. Per nulla paghi del festeggiamento della sera prima, durante la Notte Bianca universitaria,  i due amanti "tirano a mattina" e si intrufolano nel duomo di Cesena appena aprono le porte, alle sei e mezza

Potrebbe interessarti: http://www.cesenatoday.it/cronaca/sesso-fellatio-confessionale-messa-duomo-cesena-2008-processo-6-maggio-2012.html
Seguici su Facebook: http://www.facebook.com/pages/CesenaToday/146865878725646
. Iniziando i loro rapporti intimi giusto in tempo per l'inizio della messa delle 7.

atti osceni

4 Commenti

Feed
  • Avatar di Stefano

    Stefano E chi sarebbe sto Torquemanda? Forse intendevi Torquemada? Non condivido ciò che hanno fatto,soprattutto non essendo più ragazzini avrebbero dovuto pensarci due volte prima di compiere una cazzata del genere. Ciò non significa che sto dalla parte dei preti, anzi, le messe purificatrici sia a Cesena che a Cervia dopo un suicidio sull' altare, dimostrano un' ipocrisia senza confini della classe clericale. Molestano e violentano bambini e ragazzini ,e quasi sempre vengono coperti da Santa Madre Chiesa, perchè come ha dichiarato di recente un cardinale: "Non siamo obbligati a denunciare gli abusi"...altro che messe purificatrici!

    il 10 luglio del 2012
  • Avatar di Giuseppe X

    Giuseppe X tutti possono sbagliare e cercare un momento di trasgressione, potevano pagare la multa e chiuderla, invece no. Cercano la notorietà e sono sicuro che tra qualche tempo ce li troveremo in qualche talk show a raccontare la loro bravata e diventeranno gli ennesimi "cattivi maestri" di questa società che fa di tutto un minestrone. @kickass: concordo totalmente con te, meglio ancora nessuna delle due cose

    il 5 luglio del 2012
  • Avatar di Kick Ass

    Kick Ass Meglio in confessionale, tra adulti, alla luce del sole (o quasi) e soprattutto senza fare del male a nessuno, che in sacrestia con minorenni nel buio più totale dell'ipocrisia.

    il 5 luglio del 2012
  • Avatar di Davar

    Davar Troppo lieve la pena .... il gesto è solo un atto volontario di sfida ed insulto. Non l'avrebbero fatto di certo all'epoca del "buon" Tomàs de Torquemanda

    il 5 luglio del 2012