"Melissa era una di noi, anche lei pensava al suo futuro"

"Mi chiamo Francesco, sono un insegnante. Sono qui per esprimere la mia rabbia perchè la scuola è stata colpita". Inizia così lo sfogo di uno dei 150 cittadini presenti sotto il loggiato del comune