Cesena ringrazia i "cavalieri della neve"

500 reduci della grande neve protagonisti della serata di ringraziamento organizzata dal Comune

Volontari arrivati con le pale come se fosse ancora l’inizio di febbraio, alpini dall’inconfondibile penna nera, vigili del fuoco, scout, e poi rappresentanti di associazioni e quartieri, dipendenti comunali, forze dell’ordine, esponenti delle istituzioni. Quasi 500 i ‘reduci della grande neve’ che hanno accolto l’invito del Sindaco e hanno partecipato, venerdì sera, al momento di ringraziamento organizzata dal Comune nell’Aula Magna di Psicologia, in un clima di festa e di emozione.

A guidare la serata il giornalista della Rai di Bologna Antonio Farnè. L’apertura dell’incontro è stata affidata alla proiezione di un filmato (a cura dell’associazione l’Aquilone di Iqbal) che, attraverso il montaggio di immagini girate nel periodo del nevone e stralci dei servizi dedicati all’emergenza da Rai e Sky, ha ripercorso i momenti salienti  di quei giorni, rievocando ricordi ed emozioni.

E’ stata poi la volta degli interventi e delle testimonianze, a cominciare da quella del Sindaco di Cesena Paolo Lucchi. “Se ce l’abbiamo fatta a superare l’emergenza – ha detto il Sindaco rivolgendosi alla platea – è stato per merito di tutti voi, perché ognuno ha affrontato la sua parte di impegno, professionale o volontario, con la stessa cura, la stessa dedizione che avrebbe dedicato a salvaguardare la propria casa. A tutti un grande grazie, che abbiamo voluto esprimere con la spilla commemorativa predisposta per questa occasione: un piccolo riconoscimento che per noi ha il significato di una sorta di ‘cavalierato della neve’”.

Fra gli interventi, quello del Prefetto di Forlì–Cesena Angelo Trovato, che non ha nascosto il suo sollievo per  l’esito positivo di una situazione veramente ardua, e ha confidato come in almeno un paio di casi – come ad esempio quando si cercava di recuperare alcuni automobilisti rimasti bloccati sotto la neve sull’E45 -  si sia temuto il peggio.

E poi le voci degli operatori e dei volontari: chi ha ricordato i tanti ringraziamenti ricevuti dai passanti durante l’attività di spalamento, chi ha sottolineato il clima di solidarietà di quel periodo, che portava ad ‘adottare’ le persone  più fragili e a interessarsi a loro anche nei giorni successivi agli interventi, chi ha suggerito di utilizzare l’immagine della spilla della neve come logo per la candidatura di Cesena alle Olimpiadi invernali.

Gran finale con la foto di gruppo e la consegna della spilla della neve a tutti i presenti mentre sullo schermo veniva ripetuto il filmato, che si conclude con la frase “Grazie a tutti i cittadini di Cesena che, nonostante tutto, non si sono persi d’animo e hanno affrontato i disagi con grinta e pazienza”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sciagura di San Valentino: giovane si toglie la vita lanciandosi contro un treno

  • Suicidio al liceo, troppa pressione a scuola? L'esperta: "Il risultato non è mai abbastanza"

  • Studente modello del Monti, era appena uscito da scuola: i contorni del dramma in stazione

  • Vuole pagare la macchina per il caffè 3 euro, sostituisce l'etichetta: il trucchetto finisce con la denuncia

  • Ha lottato contro il sarcoma di Ewing, addio a Steven Babbi. "Ha amato la vita fino all’ultimo istante"

  • Steven Babbi, fissati i funerali: le offerte destinate alla lotta contro i tumori

Torna su
CesenaToday è in caricamento