Autovelox ‘stop and go’ sull’E45, la Polizia Stradale ci mette il naso

il Comando Provinciale della Polizia Stradale ha voluto vederci chiaro, chiedendo al Comune di Sarsina gli atti su un'sanzionatoria

Gli autovelox sull’E45 nel tratto montano di Cesena torna a far gola ai Comuni della valle del Savio. Dopo la soppressione delle sei postazioni per il rilevamento in automatico della velocità lungo la superstrada, ad opere dell’ex prefetto di Forlì Angelo Trovato (e con un’indagine aperta sulla legittimità di quei controlli), le casse di quei piccoli Comuni si sono improvvisamente impoverite. A fare da apripista per il ritorno dei rilevatori in E45 è stata però Sarsina.

Il diniego del prefetto è dovuto al fatto che le multe per eccesso di velocità andrebbero contestate immediatamente e non solo rilevate elettronicamente per poi spedire le “foto” a casa, a distanza di settimane dall’infrazione. E i vigili urbani di Sarsina così hanno fatto: due pattuglie, una che a monte rileva l’infrazione e l’altra che a valle la contesta, bloccando l’automobilista in transito sulla superstrada. Con polemiche a non finire: primo per la pericolosità dell’operazione (fermare in una piazzola d’emergenza auto in transito in mezzo ad un folto traffico anche pesante di tipo autostradale), secondo perché mentre una pattuglia contesta l’infrazione, non c’è il tempo per fermare e multare un’altra auto dietro che magari procedeva a velocità ancora più sostenuta. Con questo sistema, ha spiegato il sindaco di Sarsina Luigino Mengaccini, il Comune ha incassato un milione di euro nel 2013.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ora in questa situazione, il Comando Provinciale della Polizia Stradale ha voluto vederci chiaro, chiedendo al Comune di Sarsina gli atti su quest’attività sanzionatoria. Un avvio di una nuova indagine della Procura, l’ennesima sugli autovelox, a leggere le indiscrezioni sui quotidiani locali. No, una semplice relazione, la giustificazione del Comune di Sarsina. I vigili urbani della comunità montana dell’Appennino Cesenate, infatti, vorrebbero “estendere” il metodo Sarsina per ripristinare tutte e sei le postazioni irregolari soppresse. E prima che gli autovelox spuntino come funghi sui circa 60 km cesenati di E45, con pattuglie che fanno ‘stop and go’ ogni dieci km di superstrada, la Stradale ci ha messo un “fermino”, con una richiesta di chiarimenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mentre va in bici viene colpito da un'auto: è gravissimo

  • Il bar è in regola ma la segnalazione per l'allargamento fa infuriare i titolari: "Ci fermiamo"

  • Dopo il lockdown il bar non riapre più: "A queste condizioni non possiamo andare avanti"

  • In funzione da lunedì, ecco dove saranno i 3 T-Red: "Per ridurre gli incidenti negli incroci pericolosi"

  • Drammatico schianto nella notte sull'A14: perde la vita un cinquantenne

  • Coronavirus, nel cesenate tre nuovi casi e nessun decesso

Torna su
CesenaToday è in caricamento