Carabinieri, festeggiato il 205esimo anniversario. Calano le denunce di furto: mille in meno in un anno

La caserma "Lombardini" di Corso Mazzini di Forlì ha ospitato alla presenza delle massime autorità provinciali, di gente comune ed alcune scolaresche il 205esimo anniversario della fondazione dell’Arma, istituita il 13 luglio 1814

Mercoledì di festa al comando provinciale dell'Arma di Forlì-Cesena: la caserma "Lombardini" di Corso Mazzini di Forlì ha ospitato alla presenza delle massime autorità provinciali, di gente comune ed alcune scolaresche il 205esimo anniversario della fondazione dell’Arma, istituita il 13 luglio 1814. Alla cerimonia militare ha partecipato uno schieramento costituito da militari in servizio nella provincia, in rappresentanza delle quattro compagnie, delle 33 stazioni Carabinieri, del 13esimo Nucleo Elicotteri e del Gruppo Carabinieri Forestali con 10 stazioni, a cui si aggiungono le cinque stazioni presenti all’interno del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi.

I militari schierati erano affiancati dai labari delle associazioni combattentistiche e d’arma e dai gonfaloni delle città di Forlì, Cesena e Sarsina, decorati, rispettivamente, di Medaglia d’Argento e Croce di Bronzo al Valor Militare e dai gonfaloni dei Comuni di Verghereto e Modigliana decorati, rispettivamente, di Medaglia d’Argento e Medaglia di Bronzo al Valor Civile, insieme a quelli di tutti i Comuni della Provincia. La celebrazione è iniziata con l’alzabandiera e l’inno nazionale, intonato dai reparti schierati e dal pubblico presente, seguito dalla resa degli onori al colonnello Fabio Coppolino, comandante provinciale. Coppolino ha ricordato il maresciallo maggiore Vincenzo Di Gennaro, ucciso il 13 aprile scorso a Cagnano Varano, nel foggiano. Successivamente ha ringraziato tutti i militari del comando provinciale e le loro famiglie per il loro impegno quotidiano a favore della popolazione. Ha poi citato la recente notizia apparsa sulla stampa che vede, per la provincia di Forlì-Cesena, una diminuzione del 20% del numero dei reati denunciati. "Questo vuole rappresentare una significativa dimostrazione della vicinanza dell’Arma ai cittadini e al territorio, la cui prima rappresentazione è costituita dalle stazioni Carabinieri, capillarmente presenti su tutto il territorio della Provincia, dai grandi centri ai più piccoli paesi", ha evidenziato. 

"L’impegno dell’Arma si declina anche e soprattutto attraverso un rapporto di costante scambio con i giovani, in particolare grazie alla collaborazione con gli istituti scolastici, gli insegnanti e gli studenti, nell’ambito di numerosi e apprezzati progetti sulla legalità", ha aggiunto Coppolino. La parte finale della cerimonia si è caratterizzata per la consegna dei riconoscimenti ai militari distintisi in diverse attività di servizio: gli arresti eseguiti, nel novembre 2018 e nel gennaio 2019, di due distinti gruppi criminali composti da pregiudicati stranieri dediti a furti in abitazione, l’esecuzione di diverse ordinanze di custodia cautelare in carcere nei confronti di cittadini italiani e cinesi, per auto-riciclaggio, favoreggiamento della prostituzione e dell’immigrazione clandestina, responsabili di avere gestito diverse case di appuntamento nel capoluogo forlivese. È stato anche premiato il comandante del Nucleo Investigativo, il tenente colonnello Pietro D’Imperio, per aver condotto diverse indagini di rilievo, volte alla lotta allo spaccio di stupefacenti e allo sfruttamento della prostituzione, nonché in ambito economico finanziario e nel contrasto dei reati contro la pubblica amministrazione.

Dall'aprile del 2018 al maggio del 2019 sono state arrestate in provincia 309 persone, mentre le denunce a piede libero sono state 2465. Sono state gestite circa 8mila chiamate al numero d'emergenza unico 112, di cui circa 1.600 quelle relative a un reato in atto, 650 per privati dissidi e 700 per richieste di soccorso. Sul fronte finalizzato al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti, gli uomini dell'Arma hanno sequestro un chilo di cocaina, 250 grammi di eroina, 22 chili di hashish, sette chili di marijuana ed un chilo di Lsd. Sono circa 700 gli incidenti rilevati, 3.500 le contravvenzioni elevate per un controvalore di circa 1,4 milioni di euro, ritirate 142 carte di circolazione e 250 patenti e 129 gli automezzi sequestrati. Il numero di servizi preventivi svolti sono stati 22.725, per un numero di ore pari a 117.288, con un impiego complessivo di 45.664 carabinieri; Nel corso dell’ultimo anno, rispetto quello precedente, il numero dei reati denunciati è diminuito (circa 1.300 reati); in particolare, sono stati denunciati circa 1.000 furti in meno.

“Considero un grande onore la partecipazione alla cerimonia che celebra la ricorrenza della fondazione dell’Arma dei Carabinieri, che nel nostro immaginario nazionale simboleggia la difesa della libertà, della legalità e delle Istituzioni, l’amor di Patria, la lealtà e la fedeltà - ha dichiarato il sottosegretario alla Giustizia, Jacopo Morrone, presente alla manifestazione -. La storia dell’Arma è costellata di atti di altissimo valore che, purtroppo, hanno anche richiesto sacrifici estremi, che devono essere sempre citati e ricordati quale monito per le future generazioni su quale sia il significato di concetti eterni come dedizione, coraggio e valore".

"L’Arma dei Carabinieri ha dimostrato nel corso di questi oltre due secoli il profondo attaccamento agli ideali di fedeltà e altruismo nei confronti degli italiani e di tutti gli abitanti dei teatri dove è stata chiamata a operare - conclude Morrone -. Non potrà mai essere dimenticata la loro indispensabile e preziosa attività in tutte le azioni contro la criminalità, ma anche di aiuto e sostegno nei luoghi funestati da eventi tragici e calamità. Il nostro pensiero e il nostro abbraccio fraterno a questi valorosi servitori del Paese”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La notte trasgressiva a tre col transessuale finisce a sassate: nei guai coppia di fidanzati

  • Operazione incredibile al "Bufalini": musicista operato al cervello mentre suona il pianoforte

  • Savio in piena, frane in collina ed allagamenti in riviera: il maltempo fa paura

  • Nella disco scoppia la rissa, il locale stoppa la serata: "Coinvolte anche due ragazze"

  • Divora con tranquillità 385 cappelletti e batte il record: "Il segreto? Un giro in bici"

  • Migliora la situazione maltempo, a Cesenatico rotte due dune per contenere la furia del mare

Torna su
CesenaToday è in caricamento