Borse di studio ai più bravi del Serra grazie alla donazione dei prof in pensione

Gli ex insegnanti dell'istituto superiore Serra donano i soldi per le borse di studio destinate agli studenti più bravi

Gli ex insegnanti dell'istituto superiore Serra donano i soldi per le borse di studio destinate agli studenti più bravi. E' quanto capitato all’istituto tecnico economico cesenate, noto a tutti come “Ragioneria”, che ha tenuto una lieta cerimonia per consegnare i diplomi agli studenti maturati nel luglio scorso, premiando i risultati eccellenti, e assegnare quattro borse di studio Fantini-Vicini, rese possibili dalla munificenza dei benefattori. 

L’istituzione delle borse di studio è stata resa possibile dalla generosità di due docenti in pensione, il professor Pasquale Fantini e la professoressa Annamaria Vicini , che hanno trascorso lunga parte della loro carriera professionale all’istituto Serra, e che con la loro donazione di seimila euro già da qualche anno intendono  premiare il merito di quegli studenti che hanno saputo cogliere nel percorso scolastico un’occasione di crescita personale e professionale.

Sono stati consegnati assegni di 450 euro da parte del Ministero della Pubblica istruzione per i tre diplomati con 110 dieci e lode: Jacopo Mingozzi, Sara Capelletti (entrambi della classe ex 5A Afm) e Gaia Sacchetti (5C Afm). Le borse di studio Fantini-Vicini, del valore di 1.500 euro ciascuno, sono state assegnate ai tre centisti con lode e a Silvia Mercuriali, altra 'centista’ con la media più alta fra tutti quelli che hanno conseguito il massimo dei voti.

Alla cerimonia, guidata dal dirigente scolastico Paolo Valli, erano presenti, fra gli altri, il sindaco Paolo Lucchi e l’ex dirigente d’istituto Susi Olivetti, ora preside al tecnico Matteucci di Forlì, con  reggenza allo scientifico Fulcieri Paulucci di Calboli. Oltre ai diplomati protagonisti della rimpatriata, erano presenti tanti genitori. “Il premio al merito è educativo nei confronti di tutta la nostra comunità scolastica - osserva il dirigente Valli - ma è importante anche la sottolineatura dell’aspetto del senso di appartenenza che iniziative come queste valorizzano. Il Serra, istituto cittadino tra i più antichi, è e resta la scuola anche dei suoi ex allievi, un cordone ombelicale che non si rescinde nel tempo nella sua valenza di ambito educativo e formativo”.

L’istituto Serra (circa 850 allievi), che accompagna i suoi ragazzi al mondo del lavoro o al proseguimento degli studi universitari, mantiene contatti e collegamenti con i propri studenti, di cui monitora anche le scelte post-diploma. Il legame che prosegue nel tempo è attestato anche dai gruppi di studio pomeridiani per aiutare gli studenti più in difficoltà, insieme ad altri interventi  a cura dei docenti, che sono guidati proprio da ex allievi che si sono resi disponibili.

“Si è trattato  di una cerimonia molto significativa e ricca di emozioni per i tanti partecipanti - aggiunge il sindaco Lucchi - ed è stato un piacere constatare per l’ennesima volta la coesione della comunità scolastica del Serra, attestata anche bellissima storia della donazione dei due ex docenti, in cui si formano al futuro e alla vita tanti giovani cesenati, da tante generazioni, in un ambiente favorevole alla crescita”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La notte trasgressiva a tre col transessuale finisce a sassate: nei guai coppia di fidanzati

  • Vinse 500mila euro al gratta e vinci, ora apre un'osteria "come quelle di una volta"

  • Operazione incredibile al "Bufalini": musicista operato al cervello mentre suona il pianoforte

  • Savio in piena, frane in collina ed allagamenti in riviera: il maltempo fa paura

  • Nella disco scoppia la rissa, il locale stoppa la serata: "Coinvolte anche due ragazze"

  • Divora con tranquillità 385 cappelletti e batte il record: "Il segreto? Un giro in bici"

Torna su
CesenaToday è in caricamento