Alternativa all'ora di religione, gli atei contestano il modulo della scuola

Lo Uaar regionale, l'associazione degli atei e agnostici, contesta tramite il presidente Roberto Vuilleumier, il primo circolo delle scuole di Cesenatico

Lo Uaar regionale, l'associazione degli atei e agnostici, contesta tramite il presidente Roberto Vuilleumier, il primo circolo delle scuole di Cesenatico. In particolare a finire nel mirino dello Uaar c'è un modulo per le opzioni sull'ora di religione cattolica, che a detta dell'associazione sarebbe difforme dal modello ministeriale, in quanto non garantirebbe piena libertà di scelta alla famiglia che sceglie di non avvalersi dell'insegnamento di religione. Spiega una nota di Roberto Vuilleumier: “L'istituto, apparentemente senza alcun titolo per farlo, ha modificato il modello ministeriale C con l'intento di scongiurare l'attivazione dell'insegnamento alternativo, diversamente non si capirebbe  la frase aggiunta all'opzione A: "Per ragioni organizzative e di economicità, qualora gli alunni siano meno di tre, l’attività può essere svolta in classe priva di docente. Ricordiamo che il Consiglio di Stato, con sentenza del 2010, ha stabilito che “la mancata attivazione dell’insegnamento alternativo può incidere sulla libertà religiosa dello studente o della famiglia, e di questo aspetto il Ministero … dovrà necessariamente farsi carico".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sciagura di San Valentino: giovane si toglie la vita lanciandosi contro un treno

  • Suicidio al liceo, troppa pressione a scuola? L'esperta: "Il risultato non è mai abbastanza"

  • Studente modello del Monti, era appena uscito da scuola: i contorni del dramma in stazione

  • Ha lottato contro il sarcoma di Ewing, addio a Steven Babbi. "Ha amato la vita fino all’ultimo istante"

  • Vuole pagare la macchina per il caffè 3 euro, sostituisce l'etichetta: il trucchetto finisce con la denuncia

  • Steven Babbi, fissati i funerali: le offerte destinate alla lotta contro i tumori

Torna su
CesenaToday è in caricamento