Agricoltura, Uila Uil lancia l'allarme caporalato: "Serve un patto filiera"

Il segretario Alessandro Scarponi: "La redditività del settore primario è molto bassa e quest’anno ancora peggio visto le gravi calamità naturali"

“Siamo in piena estate e questa è la stagione delle campagne di raccolta di frutta e ortaggi per le quali servono centinaia di braccianti agricoli per far fronte a queste necessità". Il Segretario della Uila Uil di Cesena, Alessandro Scarponi, alza l’attenzione sul rischio caporalato e sfruttamento della mano d’opera, soprattutto quella straniera, utilizzata spesso per pochi mesi nei comparti tipici della nostra agricoltura (frutta, ortaggi e attività zootecniche).

"Il contratto di lavoro degli operai agricoli spesso viene disatteso in alcune parti come la regolarizzazione delle giornate ai fini previdenziali registrando solo una parte del lavoro fatto. Ho riscontrato parecchie anomalie in questo senso, spiega Alessandro Scarponi , alla fine della stagione agricola sono centinaia i lavoratori che  si ritrovano buste paga con 4-5 giornate segnate a fronte del mese intero lavorato”.
"Questa situazione di grave evasione contributiva oltre a creare un danno alle casse dell’INPS, provoca danni enormi sul diritto alla disoccupazione agricola e sui contributi per la pensione dei lavoratori stessi".

"Purtroppo - prosegue Scarponi - la redditività del settore primario è molto bassa e quest’anno ancora peggio visto le gravi calamità naturali che si sono riscontrate,  ma quello che è peggio è il prezzo della frutta pagato all’agricoltore, che spesso non copre nemmeno i costi di produzione. Questa situazione favorisce fenomeni di illegalità e caporalato che sono la risposta più sbagliata a problemi di filiera che vanno affrontati".

La soluzione per il segretario Uila Uil "E' un patto di legalità e di filiera per il rispetto della dignità delle persone e del lavoro (dipendenti e agricoltori). Rispetto ai gravi fenomeni di caporalato che purtroppo si stanno verificando  nei nostri territori con diffusa irregolarità lavorativa , la UILA UIL di Cesena unitamente alla struttura nazionale, è impegnata per affermare il principio della legalità a partire dalla Legge 199 a per la quale tanto abbiamo contribuito per inasprire le sanzioni sostenendo la necessità di potenziare i controlli".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vinse 500mila euro al gratta e vinci, ora apre un'osteria "come quelle di una volta"

  • Operazione incredibile al "Bufalini": musicista operato al cervello mentre suona il pianoforte

  • La notte trasgressiva a tre col transessuale finisce a sassate: nei guai coppia di fidanzati

  • Savio in piena, frane in collina ed allagamenti in riviera: il maltempo fa paura

  • La colpisce con lo specchietto mentre cammina sul ciglio della via Emilia: anziana ferita

  • Scirocco e alta marea a Cesenatico, gli stabilimenti spariscono. "Acqua in strada a Valverde"

Torna su
CesenaToday è in caricamento