giovedì, 24 aprile 12℃

A pieno ritmo i lavori per la pista ciclabile di via Savio

Il cantiere, aperto a gennaio, aveva subito dopo pochi giorni uno stop forzato a causa del 'nevone' ed è ripartito a marzo, ma ora si sta lavorando per recuperare il tempo perduto

Redazione10 aprile 2012

Procede a pieno ritmo la costruzione della nuova pista ciclabile in via Savio.  Il cantiere, aperto a gennaio, aveva subito dopo pochi giorni uno stop forzato a causa del ‘nevone’ ed è ripartito a marzo, ma ora si sta lavorando per recuperare il tempo perduto e concludere l’opera, come previsto, entro la fine del 2012. Martedì mattina, il Sindaco Paolo Lucchi e l’Assessore ai Lavori Pubblici Maura Miserocchi hanno effettuato un sopralluogo nell’area interessata all’intervento per verificarne lo stato di avanzamento.

“Si tratta di un intervento molto atteso – ricordano il Sindaco e l’Assessore –, che si inserisce in un programma più ampio di riqualificazione e messa in sicurezza dei percorsi ciclopedonali casa-scuola di via Savio, definito con il coinvolgimento del Quartiere Oltresavio e dei cittadini della zona. La nuova pista, lunga circa 1600 metri, garantirà un collegamento sicuro e protetto per chi va in bicicletta dalla rotonda Pasquale Rosati (vicino all’Istituto Agrario) a via Po, e da qui si potrà raggiungere facilmente il percorso che costeggia il fiume Savio e le direttrici verso il centro storico. Si tratta quindi di un nuovo, importante tassello per la rete ciclabile cesenate, che già ora si estende per quasi 81 km. Ma il progetto comprende anche la realizzazione di una serie di attraversamenti pedonali protetti, individuati sulla base dell’indagine condotta nel quartiere per la realizzazione di percorsi sicuri casa-scuola, e di una rotonda all’altezza di via Ancona. In particolare, i lavori per quest’opera prenderanno il via la prossima settimana”.

Qualche dato tecnico - A partire dalla rotonda Rosati la pista corre sulla banchina sinistra in direzione del centro fino all’attraversamento pedonale di Via Viareggio, poi il percorso si sposta sulla banchina destra. Tale scelta è derivata dall’esigenza di utilizzare, per quanto possibile, le larghezze esistenti delle banchine senza intervenire con lavori particolarmente onerosi di spostamento della carreggiata stradale e demolizione di marciapiedi esistenti. Nel primo tratto la pista ha una larghezza di 2,50 ed è divisa dalla carreggiata stradale da uno spartitraffico di 50 cm composto da due cordoli da 20cm intervallati da un cubetto di porfido.

Nel secondo tratto, dopo l’attraversamento della via Viareggio, la pista viene realizzata arretrando di circa 1,20 ml la staccionata in legno che delimita l’area verde. Anche qui è previsto uno spartitraffico da 50/40 cm, e ci sarà spazio per una fila di parcheggi longitudinali alla carreggiata stradale. Di fronte alle fermate bus, la pista ciclabile sarà rialzata per permettere l’attesa e la discesa dei passeggeri dai mezzi pubblici, dove sono presenti le isole ecologiche verrà allargato lo spartitraffico a 1.50/2.00 metri. Con l’intervento, la carreggiata verrà portata a costantemente a 7.50 nel primo tratto, mentre nel secondo tratto sarà di 8 metri.

La rotatoria prevista all’incrocio con via Ancona avrà un diametro di ml. 27.00 e sarà strutturata in una carreggiata di 8 metri, un anello di porfido sormontabile di ml 2.00 e un anello centrale di diametro 7 metri; sul lato della Via Ancona sarà costruita la pista ciclabile di ml 2.50 mentre sul lato del giardino pubblico sarà realizzato un marciapiede da 1.50 che si andrà  a collegare con quelli esistenti. I lavori, eseguiti dalla ditta Fabbri Costruzioni di San Leo, hanno un importo di 855mila euro, di cui 55mila finanziati dalla Regione.

Annuncio promozionale

Paolo Lucchi
lavori pubblici

Commenti