Come scoprire se il proprio mutuo ha un tasso da usura?

Ecco tutto quello che c'è da sapere

La scelta del mutuo da accendere per l’acquisto di una casa è in genere ardua. Sono tanti i parametri da tenere in considerazione quando ci si approccia ad una scelta del genere. Tra tutti quello a cui dedicare più tempo di riflessione è la tipologia di tasso di interesse e prima di firmare il contratto con l’istituto di credito bisogna essere certi che non si tratti di un “tasso usurario”. Come si fa per capirlo?

TEGM (tasso effettivo globale medio)

Il tasso effettivo globale medio indica il valore applicato dal sistema bancario e finanziario a categorie omogenee di operazioni creditizie due trimestri prima. In altre parole, si tratta del tasso in base al quale si calcola la soglia del tasso usurario, proibito dalla legge. Il TEGM e la relativa soglia di usura sono diffusi ogni tre mesi dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, si possono trovare sul sito della Banca d’Italia e nelle diverse agenzie intermediarie finanziarie.

Il tasso che supera la soglia TEGM è “usuraio”

In base al TEGM quindi si stabilisce la soglia entro la quale deve essere contenuto il tasso di interesse. Prima di firmare quindi è bene accertarsi di questo dato. Se il tasso supera la soglia ci si trova difronte ad un tasso usuraio. Con questa espressione si vuole far riferimento al reato che consiste nel prestare denaro a tassi di interesse considerati altissimi e di difficile restituzione. Per concludere, la soglia del tasso usurario è il valore a partire dal quale un tasso è illegale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Inverno e consumi in casa: come alleggerire la bolletta

  • Ecco come pulire i termosifoni e renderli efficienti per l'inverno

  • Vai in vacanza risparmiando con lo scambio casa

Torna su
CesenaToday è in caricamento