Pane, olio e fantasia

Pane, olio e fantasia

Cavolo cappuccio alla romagnola, fa bene ed è buono

Col freddo alcune verdure, come pomodoro o cetriolo, non sono più gradite. Sulla mia tavola da fine ottobre iniziano a fare comparsa tutti i tipi di cavoli cucinati in mille modi

Stare in un posto chiuso o all'aperto non è la stessa cosa. Cambia la percezione del tempo, cambia il nostro sguardo verso il mondo, cambiano gli odori, i sapori e anche il nostro umore. 
Per questo motivo durante l'inverno (obbligati a stare più tempo chiusi in casa) cambia il modo di mangiare anche se globalizzazione e agricoltura intensiva sono riuscite ad annullare ogni stagionalità. 
Il mio corpo, per esempio, dopo il mese di ottobre, non gradisce più i pomodori freschi. Dirò di più, mi danno quasi fastidio, mi raffreddano. E non è solo questione di temperatura, perché un pezzetto di frittata di patate a temperatura ambiente la mangio con piacere. Anche il tipo di insalata che mi preparo cambia sebbene i banchi nei negozi di ortofrutta offrano di tutto. Preferisco valeriana, radicchio o, sopra tutto, il cavolo cappuccio. Il cavolo cappuccio è il vero re della mia tavola in inverno, come del resto tutti gli altri tipi di cavoli. Prima di tutto lo scelgo con attenzione, dev'essere duro, compatto. Poi lo divido in due tagliandolo perpendicolarmente all'attaccatura. Con un coltello grande e molto affilato lo taglio sottilissimo (l'ideale sarebbe utilizzare l'affettatrice per salumi) e poi lo condisco con olio, sale e aceto bianco. In Alto Adige aggiungono anche i semi di cumino. Per dare al piatto una nota di tradizione romagnola è possibile anche assaggiarla con i bruciatini (pezzetti di pancetta abbrustoliti) passati nell'aceto balsamico. Il cavolo cappuccio oltre a essere molto buono, poco costoso ed è un ortaggio potente e salutare. E' ricco di ferro, potassio e vitamine. E' un naturale antinfiammatorio. Da provare assolutamente.

Pane, olio e fantasia

Il cibo è piacere, ma anche cultura. Nella zona di Forlì e Cesena non mancano ottimi prodotti alimentari tipici e uno degli ingredienti fondamentale per cucinarli, che è la fantasia. Come non mancano locali dove si mangia bene, si fa intrattenimento intelligente e si tramandano tradizioni culinarie rinnovandole. Qui troverete storie di piatti tipici, nuovi locali che aprono, eventi gastronomici di richiamo, idee innovative da mettere in tavola e curiosità da versare nel bicchiere e bere tutte d'un fiato. Quindi prendete posto e buon appetito a tutti.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
CesenaToday è in caricamento