Venerdì è la giornata dell'Alzheimer: le iniziative dell'associazione Caima

Nel comprensorio cesenate sono circa 4mila le famiglie che hanno in casa un malato di Alzheimer, con un’incidenza di circa 400 nuovi casi all’anno.

Il 21 Settembre è la giornata mondiale dell’Alzheimer. In Italia si parla di oltre 1 milione e 241 mila malati (ossia una persona su 4 della popolazione sopra gli 80 anni), dato destinato a raddoppiare nei prossimi 30 anni.  Nel comprensorio cesenate sono circa 4mila le famiglie che hanno in casa un malato di Alzheimer, con un’incidenza di circa 400 nuovi casi all’anno.

Ma cos’è l’Alzheimer?

L’Alzheimer è una malattia neurologica degenerativa, che colpisce in particolare l’anziano. Il sintomo principale è la perdita ingente di memoria, al quale si uniscono difficoltà nella gestione della vita quotidiana e disturbi del comportamento. Il malato perde i suoi interessi, appare confuso e disorientato e ha difficoltà a portare a termine diverse azioni della vita quotidiana, fino  a non  riconoscere i volti dei propri cari ed a non sapere nulla del proprio  passato. Il decorso è lungo, anche dieci anni, le cause ancora sono sconosciute e le cure mediche hanno per ora solo il beneficio di rallentare la progressione della malattia. La maggioranza dei malati vive e viene assistita a domicilio, e l’assistenza grava per l’80% dei casi sulla famiglia, che deve dedicare l’intera giornata alla gestione del malato, pagando un importante prezzo sia in termini di stress psicologico che in termini economici. La famiglia rimane quindi il principale sostegno per il malato di Alzheimer, e l’aiuto concreto è l’unica soluzione per il paziente e per la famiglia.

La malattia si cura?

Purtroppo l’Alzheimer rientra tra le patologie neurologiche per le quali non si conosce una cura farmacologica specifica: ad ogni modo i farmaci utilizzati in terapia possono rallentare il decorso della malattia. Proprio in occasione della Giornata Mondiale per l’Alzheimer tutti i volontari della associazione CAIMA si stringono, come ogni anno, in un ABBRACCIO SIMBOLICO a tutti i familiari che si prendono cura di una persona affetta da demenza. CAIMA è una associazione di volontariato nata a Cesena nel 2002 e voluta in particolare da familiari di malati, con l’intento di creare attività per aiutare i familiari e i malati di Alzheimer. Solo chi “ci è passato” può infatti capire l’enorme dolore e la miriade di difficoltà quotidiane che si devono superare quando si convive con una persona con questa malattia.

L’associazione CAIMA ha sede in via Gadda, 120 (zona Case Finali) ed è aperta il lunedì e il venerdì dalle 9,30 alle 11,30 e il mercoledì dalle 15 alle 17. C.A.I.M.A. gestisce un punto di ascolto, diretto e telefonico (tel. 0547/646583), con volontari e una psicologa, fornisce consulenze legali (su appuntamento) e realizza tanti progetti pensati per le persone con demenza e per chi si prende cura di loro. 

A partire da Settembre, per l’anno 2018, sono previste numerose iniziative.

Per i familiari riparte il progetto Aurora 2018, in collaborazione con il Centro dei disturbi cognitivi e demenze di Cesena dell’AUSL e con il Comune di Cesena. Sono previsti un Gruppo di sostegno psicologico e un Corso psico-educativo per spiegare la malattia alle nuove famiglie segnalate dal Centro demenze.

Per i malati, invece, verranno organizzati due laboratori occupazionali e 6 Corsi di stimolazione cognitiva, sempre in collaborazione con il Centro demenze e con il Comune di Cesena.

Per gli anziani sani, a scopo preventivo, è da poco partito un Corso di ginnastica della memoria, organizzato con la collaborazione del Quartiere Cervese Nord di Cesena e il Gruppo Amicoterapia di Gattolino. Continua la fornitura  del localizzatore GPS all’interno della Provincia di Forlì Cesena, per ritrovare gli anziani disorientati che tendono ad  allontanarsi da casa, mettendosi in potenziali situazioni di pericolo. Il progetto, che sta riscontrando numerose richieste da parte delle famiglie, è realizzato in collaborazione con l’associazione Penelope, i vari Comuni del territorio, l’AUSL, l’associazione La Rete magica, la Prefettura di Forlì Cesena e le forze dell’ordine.

Potrebbe interessarti

  • 5 trucchi per sopravvivere all'estate senza aria condizionata

  • Aperitivi all'aperto a Cesena: ecco la top 5

  • Controllo caldaie, le informazioni su pulizia e controlli fumi

  • I 5 segreti della tintarella perfetta

I più letti della settimana

  • Non rientra a casa: i familiari lo trovano in un campo sotto un trattore senza vita

  • Eleganza sui banchi del mercato, con il figlio la tradizione continua anche in negozio

  • Lattuca alza il sipario sulla nuova giunta: ecco la squadra dei suoi assessori

  • Violento scontro auto-moto sulla via Emilia: padre e figlio finiscono a terra

  • Ciclista investito, corsa in ospedale con un codice di massima gravità

  • "Notte del Liscio" movimentata: cercano di salire sul palco, poi calci e pugni ai Carabinieri

Torna su
CesenaToday è in caricamento