Una delegazione cesenate negli Stati Uniti alla "Scratch Conference 2018"

Presentato il progetto innovativo sul coding promosso da CRIAD (Ser.In.Ar.)

Una delegazione cesenate composta da Alessandro Ricci, Angelo Croatti, Laura Tarsitano (CRIAD – Ser.In.Ar.), Andrea Vaccari (presidente di FabLab Romagna) e Bruna Borgognoni (Scuola Primaria Carducci) ha partecipato dal 26 al 28 luglio, presso il prestigioso MIT (Massachusetts Institute of Technology di Boston - USA) alla Scratch Conference 2018, evento punto di riferimento per gli educatori e ricercatori di tutti il mondo impegnati in attività e progetti relativi al Coding e al Pensiero Computazionale nelle scuole. 

Tra i contributi selezionati per essere presentati all’evento quest'anno c'era anche il progetto Cogito di Cesena, nato dalla collaborazione fra il CRIAD (Centro di Ricerche e Studi dell'Informatica applicata alla Didattica, emanazione di Ser.In.Ar.), la Scuola Primaria Carducci (Terzo Circolo) e il FabLab Romagna. 

“Tale progetto – spiega Alessandro Ricci, direttore di CRIAD - sviluppato dal 2015 per 3 anni, ha visto la sperimentazione di attività e percorsi durante l'anno scolastico ideati da un team eterogeneo composto da professori e giovani ricercatori dell'Università di Bologna (Dipartimento di Informatica, Campus di Cesena) e insegnanti del Carducci, con l'obiettivo di utilizzare lo studio del "coding" (programmazione in ambito informatico) e del "pensiero computazionale" come strumenti al servizio dell'apprendimento e delle diverse materie, della capacità di risolvere problemi, di comunicare ed esprimere se stessi, di collaborare, di creare. In questa visione il computer e il coding sono diventati, nelle mani dei ragazzi, strumenti per un ulteriore e valido "linguaggio" da esser integrato in modo sinergico con gli tutti altri per creare, inventare, apprendere”. 

La delegazione di Cesena, durante la tre giorni negli States, è stata impegnata in discussioni, dibattiti e confronti con delegazioni provenienti da 35 paesi di tutto il mondo, con i ricercatori del MIT Lifelong Kindergarten e di altre Università prestigiose (fra cui Harvard, Berkeley), portando un punto di vista innovativo e ambizioso: integrare il pensiero computazionale con il pensiero pedagogico e il patrimonio di valori culturali, metodologici e sociali relativo alla scuola di cui il nostro paese è un riferimento. Nell’occasione il gruppo cesenate ha avuto la possibilità di incontrare e interloquire con professori di fama mondiale come Mitch Resnick, direttore del MIT Lifelong Kindergarten e co-ideatore del linguaggio Scratch, e Cynthia Solomon, storica collaboratrice di Seymour Papert (1928-2016), padre nobile del costruzionismo e della visione a cui il CRIAD si ispira.

Il viaggio a Boston della delegazione cesenate è stato possibile grazie al supporto di diversi organismi del territorio, quali Ser.In.Ar., Confartigianato Cesena, Alexide, Banca di Credito Cooperativo di Sarsina, Gruppo Trevi, Collini Consulting e Fablab Romagna, che, condividendo i principi e gli obiettivi del progetto, hanno messo a disposizione le risorse per la trasferta negli Stati Uniti.
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cadavere in avanzata decomposizione ritrovato in una scarpata stradale

  • Vaga seminuda per strada in stato confusionale, la Polizia Locale risolve il 'mistero'

  • Rientra a casa e trova il rapinatore col coltello: "Io e te andiamo a prelevare". Lo salva il vigilante

  • Soccorso in stato di delirio, era in ospedale con la cocaina sotto la lingua: denunciato spacciatore

  • La 17enne cesenate Alessandra Rumieri è la nuova "Miss Mondo Rally"

  • S'intasca 150 euro per la rottamazione di una vecchia aspirapolvere: rappresentante nei guai per truffa

Torna su
CesenaToday è in caricamento