"Tutti diversi, tutti uguali": inaugura la nuova sede della Cils - FOTO

Una giornata dedicata all'orgoglio “Cils, tutti diversi tutti uguali” che con l'inaugurazione della nuova sede amministrativa e con l'avvento del nuovo anno compirà quarantacinque anni dalla sua fondazione.

Una giornata quella di oggi dedicata all'orgoglio “Cils, tutti diversi tutti uguali” che con l'inaugurazione della nuova sede amministrativa e con l'avvento del nuovo anno compira' quarantacinque anni dalla sua fondazione. Una realtà  di cooperativa sociale che oggi vanta circa quattrocentotrenta dipendenti dove i lavoratori con disabilità e invalidità fisica sono circa il sessanta per cento rispetto ai normodotati, quindi ben al di sopra della soglia del trenta per cento come di solito viene attuato.  I nuovi uffici sono collocati in un piano affittato presso la sede del Consorzio Agrario in via Santa Rita da Cascia 119, adiacente via Cavalcavia a  Cesena.

Un folto pubblico, ha assistito alla benedizione del Vescovo della Diocesi di Cesena e Sarsina Douglas Regattieri accompagnato da molte autorità come il parlamentare Marco Di Maio e il senatore Stefano Collina, l’assessore comunale Simona Benedetti, i consiglieri regionali Lia Montalti e Andrea Bertani e il presidente nazionale di Confcooperative Maurizio Gardini.  A fare gli onori di casa è stato il presidente di Cils, Giuliano Galassi che ha commentato così l’evento: “Gli uffici che inauguriamo esprimono pienamente lo sviluppo che la cooperativa ha fatto dal 1974 ad oggi e la necessità di offrire  spazi adeguati a diversi  servizi e settori, razionalizzando la comunicazione e la collaborazione  fra le persone occupate”.

Circa l’andamento dell’anno che si sta per chiudere il presidente Galassi ha poi tracciato un primo bilancio dal quale emergono gli importanti risultati raggiunti da Cils: “Prescindendo dagli aspetti meramente economici, che al 30 settembre risultano positivi, in linea con quelli dell’anno scorso, il dato più significativo del 2018 è rappresentato dalla conferma dei posti di lavoro. Ad oggi risultano occupate 421 persone, così suddivise: 96 con invalidità civile,  67 con una disabilità complessa e 258 normodotati. Nel corso del 2018 sono aumentate le collaborazioni con aziende del territorio attraverso l’affidamento di servizi, caratterizzati da un’organizzazione della cooperativa sempre tesa al miglioramento della professionalità e della qualità, nel totale rispetto dei contratti di lavoro e della complessa mission indicata nello statuto dalle associazioni fondatrici: offrire un lavoro vero, remunerato, stabile e definitivo a persone con disabilità complessa in una cooperativa integrata con il sostegno di colleghi normodotati. Il livello  occupazionale è stato mantenuto anche grazie alla conferma o alla aggiudicazione di appalti pubblici nel corso del 2018 in settori strategici per la cooperativa”.
Importante novità, per il 2019 di Cils è l’inizio di un percorso, reso possibile grazie alla collaborazione con Aiccon, che la porterà verso la valutazione di impatto sociale delle proprie attività.

“Come sottolineato dalla legge di riforma del Terzo settore e delle imprese sociali  - ha concluso Giuliano Galassi - il percorso che Cils ha deciso di intraprendere si pone l'obiettivo di giungere alla misurazione e valutazione dell'impatto sociale generato sul e per il territorio di riferimento, con la prospettiva di attuare il passaggio dalla rendicontazione ("rendere conto") propria del bilancio sociale alla valutazione ("dar valore"), propria del social impact report. Oltre ad essere importante per la comunicazione verso l’esterno di ciò che facciamo, la misurazione dell’impatto generato è per noi fondamentale alfine di ottimizzare la pianificazione strategica futura”.


Piero Pasini

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

1_ pasini-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tenda nel parcheggio del Bufalini, Cesena tra le prime città a sperimentare i tamponi "drive-through"

  • Da giorni non si avevano sue notizie, anziano trovato morto nell'appartamento

  • San Cristoforo piange l'ultima vittima del Coronavirus: "Era socievole e attivo nel volontariato"

  • Cresce il 'focolaio' nella casa di riposo, 15 contagiati. "Guarito un agente della Polizia Locale"

  • Coronavirus, frenata nei contagi nel Cesenate: "solo" 14 in più. Ma c'è un altro decesso

  • Una 'maschera' che agevola la comunicazione tra sanitari e pazienti: l'intuizione dell'azienda

Torna su
CesenaToday è in caricamento