Casa Protetta “Camilla Spighi”, definite le nomine del Consiglio di Amministrazione

A seguito della recente tornata elettorale è tempo di rinnovo di cariche negli enti e nelle società partecipate dai Comuni ed il Sindaco del Comune di Bagno di Romagna Marco Baccini sta chiudendo la definizione delle nomine nell’ambito del perimetro di competenza strettamente comunale.

Ieri sono state definite le nomine dei membri del Consiglio di Amministrazione della Casa Protetta “Camilla Spighi”, che è la Struttura socio-sanitaria a carattere residenziale del Comune, che svolge prestazioni socio assistenziali a rilievo sanitario in accreditamento con l’AUSL, rivolte prevalentemente ad anziani non autosufficienti in condizioni di disagio fisico, psichico o sociale.

"Come anticipato nel primo Consiglio Comunale e in continuità con una prassi avviata già nel 2014 – dichiara Marco Baccini – abbiamo coinvolto le minoranze consiliari nella definizione dei membri degli organi collegiali, ove la composizione degli organi stessi e le funzioni richieste ai designati lo consentano. Ciò è stato possibile per la Casa Protetta “Camilla Spighi”, il cui CdA è composto da un numero di 5 membri ed ha funzione meramente di indirizzo e controllo politico sulla gestione dell’Istituzione. La concertazione con i capogruppo di minoranza ha quindi permesso l’ingresso di due consiglieri espressione della Lista “Un Bene in Comune” e della lista “Insieme per il Futuro”, che hanno designato rispettivamente Francesco Nigi e Elisa Gradassi".

"Per il nostro gruppo di maggioranza consiliare “Visione Comune” – precisa il Sindaco – sono stati designati Luana Bravaccini, Annalisa Botti e Andrea Pressiani. Da specificare che i membri sono nominati per il periodo del mandato del Sindaco e la carica è gratuita. In vista della prima seduta del Consiglio di Amministrazione, che sarà convocato già per la prossima settimana – continua Marco Baccini – faccio le mie congratulazioni a tutti i nuovi consiglieri della nostra Casa Protetta, augurando loro buon lavoro, con l’impegno e la serietà che richiede il far parte degli organi dell’Istituzione Camilla Spighi, che rappresenta un esempio di buona amministrazione pubblica e di qualità nell’erogazione di servizi socio-assistenziali a favore dei cittadini più bisognosi e soli"

"Intanto – chiude Marco Baccini – sto definendo i colloqui dei candidati alla carica di consigliere delegato della società Terme di Sant’Agnese a seguito della procedura di manifestazione di interesse avviata. Anche in questo caso, seguendo la linea avviata precedentemente, abbiamo aperto una selezione per ricercare una figura competente e adeguata alla carica di consigliere delegato dell’azienda alberghiera e termale. In questa situazione, il numero ristretto di 3 componenti del CdA, ognuno dei quali è  necessario che abbia funzioni attive e di collegamento con l’Amministrazione nell’attuazione degli indirizzi e del controllo, non rende possibile inserire membri espressione delle minoranze consiliari, le quali possono comunque svolgere attività di controllo con l’esercizio dei diritti e poteri dei consiglieri comunali".

"Lunedì mattina, pertanto, procederò ad ufficializzare le designazione dei tre membri del Consiglio di Amministrazione della società Terme di Sant’Agnese, all’interno del quale inserirò, oltre alla figura del consigliere delegato chiamato a gestire la società, due nostri concittadini, che invece avranno il ruolo di rappresentanti di fiducia dell’Amministrazione nell’esercizio delle funzioni di controllo e indirizzo e di raccordo con il tessuto socio-economico locale".
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Impressionante salto di carreggiata per un Tir in autostrada: brividi, feriti e code in A14

  • Tragedia sfiorata in A14, scoppia il pneumatico del Tir: miracolato il camionista

  • Porta un "Oktoberfest" a Cesena, dopo tanta 'cultura' in giro per l'Europa apre la birreria

  • Superenalotto, la fortuna continua a baciare Savignano. Sfiorato il colpo milionario

  • Si cerca un nuovo proprietario per l'hotel, la base d'asta è 1,8 milioni di euro

  • Bloccarono i cancelli dell'azienda: "Per 14 lavoratori licenziamento definitivo, pronta la causa"

Torna su
CesenaToday è in caricamento